“Il nostro pensiero non è solo rivolto a quanti ci hanno lasciato, ma deve saper anche guardare avanti, ai nostri figli e nipoti, alle nuove generazioni, perché il futuro è nelle loro mani. Io ritengo che gli alpini hanno il grande compito di trasmettere loro quei valori che sono il fondamento della nostra storia: l’amore per il nostro Paese, lo spirito di lealtà nei confronti del Tricolore e della Costituzione, l’impegno per la pace e la democrazia.”

Con questo pensiero, Elio Bonanomi, Presidente del Gruppo Alpini di Monte Marenzo, ha salutato le centinaia di persone che hanno aderito alla festa per il 30° anniversario della fondazione del Gruppo. Una storia riccamente illustrata e raccontata dalla pubblicazione distribuita nei giorni precedente l’adunata.

La manifestazione ha avuto un notevole successo, grazie alla proverbiale organizzazione degli alpini e, circostanza non indifferente, ad una splendida giornata di sole.

Aperta sabato 24 luglio con un’esibizione del Coro Alpino Lecchese (foto 1), è proseguita il giorno successivo con diversi momenti significativi che sono raccontati nella galleria fotografica che trovate nella pagina del nostro sito.

Come sempre commovente il silenzio che ha accompagnato la posa della corona di alloro al monumento dei caduti (foto 2), poi il lungo corteo (che qualcuno ha valutato in circa 500 metri), si è snodato per le vie del paese imbandierate dal tricolore, verso il parco Penne Nere.

Preceduto dalla Fanfara Alpina di Prezzate (foto 3) e dallo striscione del nostro Gruppo Alpini (foto 4), il corteo era composto dalle Autorità civili del territorio, da numerose rappresentanze di altri Gruppi e da una folta partecipazione dei cittadini, che dimostra l’attaccamento della comunità a questa Associazione.

Davanti alla sede degli Alpini si è svolta la cerimonia dell’alzabandiera (foto 5) e si sono tenuti i discorsi ufficiali aperti dall’intervento di Elio Bonanomi (foto 8 ) che ha brevemente ripercorso la storia del Gruppo e ringraziato i cittadini e le Autorità per la loro presenza (foto 6).

Il saluto dell’Amministrazione Comunale di Monte Marenzo, è stato portato dal Vicesindaco Pierluigi Isacco che si è rivolto agli Alpini rappresentati dai 41 gagliardetti del circondario presenti (foto 7), con queste parole: “ Vi ringrazio per la vostra presenza attiva e leale in favore della nostra comunità. Vi ringrazio perché siete rimasti tra gli ultimi, assieme ad altre associazioni come la vostra, a credere e praticare la gratuità dell’impegno volontario, in una realtà dove purtroppo c’è una ricerca sfrenata del proprio tornaconto, e una pericolosa insensibilità ai tanti problemi e ai tanti bisogni di chi ci vive accanto”.

La Messa al campo è stata celebrata da Fra Giovanni, Custode Spirituale del Parco, e da Don Giuseppe (foto 9).

La festa non ha dimenticato chi ha servito il Paese e quanti si sono impegnati a tener vivo il gruppo di Monte Marenzo in questi trent’anni. Riconoscimenti sono stati conferiti a Fedele Balossi, classe 1919, reduce della Seconda guerra mondiale e ai famigliari degli Alpini del Gruppo di Monte Marenzo scomparsi in questi anni.

Elio Bonanomi appare visibilmente soddisfatto dell’esito della manifestazione nella foto che lo ritrae mentre taglia la torta di anniversario (foto 10).

Molti i volontari che hanno collaborato alla riuscita della festa, la quale ha registrato ben 250 persone al rancio consumato tra gli alberi del parco.

Questo fotoracconto è il nostro piccolo contributo alla festa del 30° anniversario del Gruppo Alpini di Monte Marenzo, con i quali ci congratuliamo. Un piccolo omaggio che arriva in ritardo per la difficoltà di scegliere solo 10 foto tra le centinaia che ci sono pervenute.

Ringraziamo il Sig. Iannella, autore di gran parte degli scatti selezionati, che ben rappresentano una giornata particolarmente riuscita.

Categorie: Associazioni Eventi

One comment

Fotoracconto degli Alpini di Monte Marenzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.