Salve, mi presento, sono  biacco

i vostri commenti mi sono piaciuti un sacco!

E così ora tocca a me esprimere pareri su di voi e sulle vostre risposte al quesito

se mi vedete cosa fate?

tre opzioni:

a)      scappo

b)      uccido

c)      offro la cittadinanza onoraria, sperando sia femmina magari incinta

A)  Naturalmente la mia massima stima e approvazione va a coloro che hanno dato questa risposta, perché con la loro fuga rispettano al massimo la mia privacy. Comportamento davvero lodevole dal mio punto di vista, gente dotata di ottimo self control e grande prontezza di riflessi di fronte al pericolo. Anch’io sono molto veloce, ma cosa non darei  per potermi dare a gambe levate se incontro un gatto o un essere umano!!

C)  Grande considerazione va da parte mia a coloro che hanno scelto la terza opzione: è gente

studiata, che prima di agire riflette, dotata di grande generosità ed un po’ di  buona ingenuità.

Sono un giovane biacco e non so ancora se sono maschio o femmina, si vedrà.

Per quanto riguarda l’offerta di cittadinanza,  ringrazio, ma rifiuto. Visto i tempi che corrono,

essere cittadini non conviene, troppe tasse, imu sulla prima tana,  bassa assistenza,  meglio

restare in  clandestinità! Tanto io faccio già di mio tanto bene alla comunità: divoro i piccoli di

vipera,  mangio i topi, controllo le nascite di molti animali……

B) Nessuno ha scelto l’opzione b) si potrebbe essere soddisfatti.

Invece girano  a piede libero ancora coloro che   mi vogliono morto. E non cambiano opinione, anzi gridano all’untore se qualcuno mi lascia in vita…

Ipocriti serpenti!  Come vorrei essere una vipera se li incontrassi!

Marilena Chiari

3 Commenti

Salve, mi presento, sono biacco

  1. Caro Biacco , spero di incontrarti sempre più spesso e che tu abbia lo spazio necessario per crescere e fare il tuo dovere …. (nella speranza che noi facciamo il nostro)
    GRANDE
    MARILENA!!

  2. Nome comune: BIACCO
    Famiglia: Colubridi
    Ordine: Squamati
    Classe: Rettili
    CARATTERISTICHE:
    Il biacco presenta un corpo piuttosto slanciato con il capo ovoidale. Le squame presenti sul dorso sono lisce. I colori di questo ofide (o serpente) sono piuttosto variabili: il giallo è interrotto da macchie nere più o meno estese disposte a scacchiera. Verso l’estremità della coda queste macchie si fondono formando delle strisce longitudinali I giovani e i subadulti (fino al terzo anno di età) sono distinguibili, dagli individui adulti, per il dorso grigio-bruno chiaro macchiettato qua e là di scuro, e dal capo nerastro con delle strisce debolmente macchiettate di giallo.
    Il colore varia molto con l’ambiente colonizzato: ad esempio in Sicilia e in altre isole mediterranee, il biacco è completamente nero.
    Il biacco può essere lungo 200 cm, anche se la maggior parte delle volte raggiunge i 150 cm. Benché alcune specie abbiano una ghiandola del veleno collegata a denti dotati di solchi e posti posteriormente sulla mascella superiore, la maggior parte di questi serpenti è, tuttavia, innocua per l’uomo
    . VITA ED ABITUDINI:
    Il biacco è una specie diurna e prevalentemente terricolo. Occupa rocce, cespugli, pietraie, coltivi, radure e margini dei boschi. Predilige gli ambienti secchi, soleggiati e con una buona vegetazione.
    Tra aprile e giugno avviene l’accoppiamento e a luglio sono deposte 5-15 uova. Tra fine agosto e settembre le uova schiudono e nascono dei piccoli biacchi lunghi 20-25 cm.
    Esso si sposta velocemente ed agilmente, cacciando a vista ed inseguendo la preda. Questa, una volta cattura, viene ingoiata ancora viva.
    Gli adulti di biacco si nutrono di lucertole, di piccoli Mammiferi, di alcuni nidiacei, di rane o di altri serpenti. I giovani, invece, limitano la caccia alle lucertole e alle cavallette Nelle zone temperate, d’inverno cadono in uno stato d’ibernazione o letargo
    . . Questo Rettile è diffuso dalla Grecia alla Bulgaria; nel Caucaso; nel nord-est della Spagna; nell’ex-Yugoslavia; in Italia; in alcune isole del Mediterraneo; nelle regioni sud occidentali dell’Asia.
    NON TUTTI SANNO CHE: Il biacco è piuttosto aggressivo e mordace. Infatti, in caso di cattura, il morso è la miglior arma di difesa. Esso non teme né i propri simili né le vipere, delle quali si nutre.
    Solo x approfondire…cmq risposta A…..CIAO

  3. Benissimo. La mia opzione quindi era la migliore (per me e per il biacco) 🙂 Grazie Marilena per averci fatto riflettere (e sorridere) anche in questo frangente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.