Il Sindaco Gianni Cattaneo ha consegnato personalmente gli alberi ai nuovi nati del 2013.

Gianni, prima di procedere con la consegna delle pianticelle (quest’anno erano 12 ulivi), ha ricordato ai genitori ed ai parenti dei piccoli cittadini arrivati stamattina in Casa Corazza, che questa cerimonia è ormai una consuetudine da ben 22 anni, fin dal 1992. Il Comune di Monte Marenzo fa porre a dimora un albero per ogni neonato in osservanza ad una legge (la n. 113 del 29 gennaio 1992 che molti Comuni in Italia si ostinano a non osservare).

Ogni anno, in questo periodo, alcune pianticelle vengono consegnate in una cerimonia ai genitori, che provvedono poi a mettere a dimora gli alberi nei propri giardini. Per quelli che non possiedono un giardino gli alberi vengono piantati nel Parco Penne Nere o al parco della Levata.

Stamattina ci si è trovati in Casa Corazza per i bimbi residenti in paese (9 bambini) e, per quelli della Frazione Levata (3 bambini), la cerimonia si è ripetuta presso la Palazzina Polifuzionale.

Tanti i genitori e i nonni che hanno voluto accompagnare i loro bimbi per questo significativo  momento che simboleggia lo stretto rapporto fra vita e natura, fra l’uomo, il suo territorio e il suo ambiente.

Dopo una firma dei genitori sul “verbale di messa a dimora”, con la controfirma del Sindaco (Pina a far da segretaria), l’albero è stato consegnato a chi si è presentato e dovrà invece essere ritirato in Comune da chi non ha potuto partecipare alla cerimonia.

Ecco le immagini della consegna degli alberi a Casa Corazza ai nuovi nati e le foto di gruppo di bimbi e genitori, di questi con il Sindaco Gianni Cattaneo e una di gruppo con tutti i presenti.

 

One comment

Ulivi per i nuovi nati 2013

  1. Un affettuoso benvenuto ai nuovi nati di Monte Marenzo…che con i loro alberelli contribuiscono già fin d’ora a migliorare l’equilibrio naturale della natura….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.