telethon,2015_manifesto-WQuando, come UPper Monte Marenzo, abbiamo realizzato e firmato il manifesto per la Maratona Telethon 2015, insieme a Angelo Gandolfi e a Giorgio Toneatto che ha scattato la foto con Fabrizio e Kastriot Bulica e il campione di pallacanestro Alessandro Gentile, ho suggerito lo slogan “Fai canestro con Telethon”.

E mentre discutevamo su come rappresentare al meglio questo slogan, con la “O” della parola canestro che diventava un pallone di basket vicino ad una reticella, con Gerolamo Fontana si diceva che quest’anno sarebbe stata dura battere il record dell’anno scorso.

Invece, ancora una volta, questo record è stato superato e, sempre in gergo da basket, gli amici di Telethon hanno fatto “un tiro da 3!”:  €285.900, ovvero 22.800 euro in più dell’anno scorso.

Ancora una volta i cittadini della Provincia di Lecco hanno aiutato a sospingere quel pallone nel canestro. Ed è stato ovviamente grazie ad un gioco di squadra che questo nuovo record è stato realizzato.

D3C_0002 rid
Il momento della consegna del maxiassegno di 285.900 Euro – Foto di Giorgio Toneatto

Lo si è ribadito oggi durante la conferenza stampa tenutasi presso la sala Consiliare del Comune di Lecco. Sono intervenuti: Virginio Brivio, Sindaco di Lecco, Flavio Polano, Presidente della Provincia di Lecco, Renato Milani, Presidente Coordinamento Telethon Lecco, Gerolamo Fontana, Presidente UILDM Lecco , Rodolfo Schiavo, Responsabile Nazionale Partnership di Volontariato Fondazione Telethon e Alfredo Polvara, LTM Lecco.

Ecco il Comunicato stampa raccolta fondi Telethon 2015

Carissimi, anche quest’anno abbiamo realizzato una meravigliosa Maratona Telethon. Quando centinaia di volontari si impegnano, dando il meglio di sé, nessun obiettivo è impossibile.

Un lavoro costante durato l’arco di un intero anno, che ha raggiunto obiettivi importanti nella sensibilizzazione e nella crescita della consapevolezza delle persone verso le malattie contro le quali ci battiamo da oltre vent’anni.

Grazie a questo è stato raggiunto nella nostra provincia l’ennesimo straordinario risultato in termini di raccolta fondi. Un nuovo record che ha raggiunto la incredibile cifra di  €285.900

Da sottolineare che di maratone della solidarietà Telethon sino ad ora ne abbiamo condotte 24, e per ben 22 volte abbiamo migliorato il risultato della raccolta precedente! Ancora una volta questa gara di solidarietà è riuscita a mobilitare migliaia di persone, decine di associazioni, istituzioni, soggetti sociali ed economici.

Ogni volta proviamo stupore per la grande disponibilità che troviamo nel Lecchese e nella vicina Bergamasca. Sono realtà tra di loro diverse, ma uguali nella sensibilità e nella capacità di raggiungere un unico grande obiettivo: sostenere la ricerca scientifica, l’unica capace di dare speranza e strappare tanti bambini e le loro famiglie dalla sofferenza inflitta a loro da gravi malattie genetiche.

Un risultato di raccolta straordinario che fonda la sua ragione in dati numerici che dimostrano un sempre maggior coinvolgimento delle nostre comunità. Quest’anno abbiamo registrato l’impegno di 89 comuni, 7 in più dello scorso anno; di questi 8 sono in terra bergamasca a noi contigui. Se consideriamo che la provincia di Lecco conta 88 comuni, siamo vicinissimi alla totale partecipazione di tutti i comuni del lecchese.

Confidiamo nelle prossime edizioni di avere con noi anche i comuni ora mancanti. Sarebbe molto bello che la nostra provincia, da 10 anni in testa nella classifica della raccolta per territorio, potesse presentarsi come unico caso in Italia con la totalità dei comuni impegnati per Telethon.

Sono anche circa 15.000 gli studenti, dalla scuola dell’infanzia all’università, coinvolti anche quest’anno nella “lezione” Telethon. Ci piace sottolineare il grande lavoro svolto in questo settore dalla nostra dott.ssa Laura Rigoni, la quale è riuscita dialogare con circa 2.500 studenti delle primarie e delle secondarie. Non di meno Gerolamo Fontana, che ha parlato a circa 6000 studenti totalizzando presenze nelle scuole secondarie e superiori per ben 66 ore. Importanti e molto prestigiosi gli incontri fatti da Gerolamo e dal dott. Roberto Maggi al Politecnico di Lecco con gli studenti del Bertacchi e del Liceo Manzoni. A questo proposito vogliamo ringraziare il Rettore Marco Bocciolone e il Pro Rettore Vico Valassi, i quali ci hanno accolto all’ateneo a braccia aperte. Altro appuntamento del mondo scuole, che vogliamo ricordare, è stato l’incontro al Bachelet di Oggiono con protagonista la dott.ssa Antonia Ratti che è riuscita a calamitare l’attenzione di 500 ragazzi che si sono dimostrati poi come sempre, molto solidali.

Che dire poi delle 120 iniziative che hanno costellato questo 2015?  Iniziative tutte create e curate dal coordinatore Telethon Lecco Renato Milani. E’ un segno ancora una volta che la solidarietà abbraccia in questo modo tutta la provincia di Lecco e i lecchesi si confermano grandi donatori e persone estremamente sensibili ai temi delle malattie genetiche.

Altra bella esperienza da sottolineare, e che sicuramente avrà un seguito, è la nostra presenza nella Casa Circondariale di San Vittore, con una conferenza scientifica tenuta da Gerolamo Fontana agli agenti e una con i detenuti. Un’esperienza importante sul piano umano che ha avuto anche un riscontro positivo nella raccolta. Vogliamo sempre portare la voce di Telethon in tutti i luoghi, perché la solidarietà non può avere confini.

Che dire? Un grazie infinito ai sindaci, ai dirigenti scolastici, agli insegnanti, agli sponsor, ai sottoscrittori, a tutti coloro che gettando il loro cuore oltre l’ostacolo ci hanno permesso di raggiungere un risultato così importante. Ognuno ha saputo prestare con entusiasmo e gratuità il proprio tempo, mettendoci intelligenza e creatività per promuovere eventi dove si è cantato, ballato, giocato e recitato.

In ogni comunità hanno operato gli Ambasciatori Telethon, persone veramente grandi che hanno una marcia in più. Sono loro che fanno la differenza perché il loro impegno è totale. Stanno ore ed ore sulle piazze, al freddo, a offrire i prodotti Telethon. E lo faranno finché ci saranno malattie senza la cura adeguata, finché il loro contributo servirà a sostenere il lavoro dei nostri scienziati, i quali hanno dimostrato di ottenere risultati molto importanti.

Tutti voi ricorderete come i ricercatori italiani di Telethon hanno potuto curare, per la prima volta al mondo, una malattia genetica come la ADA-SCID, cioè la malattia dei “bambini bolla”. Un risultato che ha poi aperto velocemente la strada ad altri successi. Ancora una volta primi al mondo ad osservare la possibilità di curare la leucodistrofia metacromatica e la sindrome di Wiskott-Aldrich.

Tutto questo grazie all’intuizione “geniale” dei ricercatori dell’Istituto Telethon per la Terapia Genica (TIGET) di Milano, guidati dal Prof. Luigi Naldini. La nuova grande notizia arriva invece dal Consorzio Internazionale di Ricerca sulle Malattie Rare (IRDIRC) del quale fanno parte anche i nostri migliori ricercatori Telethon. Gli scienziati dell’IRDIRC si sono infatti posti l’importante obbiettivo di portare entro i prossimi 5 anni alla terapia, cioè alla cura, ben 200 malattie genetiche, sulle 7000 finora conosciute.

Già da ora siamo al lavoro per consolidare la nostra 25° Maratona Telethon, è un quarto di secolo che siamo impegnati in questa grande battaglia contro le Distrofie Muscolari. Vogliamo fare ancora un’altra grandissima Maratona con l’aiuto con la speranza di ampliare, anche per il 2016, i risultati sociali, culturali ed economici ottenuti, certi sempre di poter contare sulla vostra sensibilità e generosità.

Grazie e arrivederci al prossimo anno per i risultati della 25° maratona Telethon.

Renato Milani (Coordinatore Telethon Provincia di Lecco)

Comm. Gerolamo Fontana (Presidente UILDM Lecco)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.