Carlo Arrigoni si aggira gli spettatori che stanno ascoltando un intermezzo musicale del suo spettacolo. Ha in mano una vecchia copia del Corriere della Sera. Scorgiamo i titoli di prima pagina: “Alluvione in Valtellina”. Carlo ha il volto preoccupato e teso. E’ proprio come un lettore dei giorni successivi a quel luglio del 1987. Poi torna al leggìo e ricomincia a leggere il testo del suo spettacolo sulle note finali della musica composta per lo spettacolo da Ivan Maddio al sax, accompagnato da Dalila Maniàci al clarinetto basso.

E’ un momento particolarmente drammatico dello spettacolo “Acqua violenta” che Carlo Arrigoni ha messo in scena per ricordare quei fatti di trenta anni fa, non solo con un taglio tradizionale e descrittivo delle fasi dell’alluvione, fatto dai media tradizionali o dalle cronache dell’epoca, ma indagando più a fondo, dando voce e corpo alla testimonianza della gente, di coloro che hanno vissuto in prima persona questo avvenimento drammatico attraverso aneddoti e poesie di autori locali.

Un recital teatrale intenso, dove le voci dei protagonisti delle Istituzioni (come quella particolarmente significativa del Ministro Zamberletti), si alternano a quelle di chi racconta in prima persona di avere perso la famiglia, le persone care, tutto…

Quella di ieri sera a Monte Marenzo, è stata l’ultima data in programma dello spettacolo che ha avuto 13 repliche a partire dalla prima tappa a Tirano il 6 gennaio di quest’anno per toccare i luoghi simbolo dell’alluvione, come Sondalo e Morbegno. E sul convinto applauso finale del pubblico Carlo è particolarmente commosso nel ripensare a questa lunga avventura teatrale.

Bravissimo Carlo e i musicisti che lo hanno accompagnato in un luogo particolare: il nuovo museo allestito all’interno dell’Azienda KONG spa. Noi dell’Associazione Culturale UPper di Monte Marenzo abbiamo pensato di proporre questo recital in concomitanza dell’11^ edizione della KONG OPEN DAY e “Aspettando Sapori d’Autunno 2017″ organizzato dal Comune di Monte Marenzo, a 30 anni dall’alluvione in Valtellina e dall’esondazione dell’Adda in località Levata a Monte Marenzo che allagò la palude di Monte Marenzo e le Aziende che vi si trovano. E sarebbe stato ancora più suggestivo ascoltare il recital sull’aviosuperficie della Kong, sulla palude proprio a ridosso dell’Adda come si era programmato di fare (il freddo intenso di ieri sera ci ha fatto desistere).

Il contributo e l’ospitalità della Kong spa è stato prezioso (ringraziamo il Dott. Marco Bonaiti e tutto lo staff di Kong che ci ha aiutato, in particolare Enrico Ostidich).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.