Ieri mattina, di buon’ora, sono salito di nuovo al “Sentiero per tutti”.

Prima di Valcava e poi, appena al di là, verso la Valle Imagna, i maggiociondoli coi loro fiori gialli costeggiano la strada e mi hanno accompagnato al Pertus.

L’occasione è l’incontro con il Direttore di Orobie, Paolo Confalonieri, che ha voluto percorrere il nostro sentiero con gli amici dello Specchio ed alcuni ospiti del CDD di Calolziocorte.

A Forcella Alta, vicino al laghetto, trovo il Sindaco di Carenno, Luca Pigazzini, e il Presidente della Comunità Montana Valle San Martino, Carlo Greppi, che devono essere intervistati da Confalonieri su due questioni: la situazione della strada di accesso al sentiero e la dedicazione a Paolo VI. Questa l’intenzione dell’Amministrazione di Carenno per il prossimo 24 agosto, perché Giovanni Battista Montini, quando era Cardinale di Milano, è venuto in visita al collegio estivo per i seminaristi di Venegono che si trova proprio al termine del nostro “sentiero per tutti”, il percorso di media montagna realizzato in questa località, dalla Comunità Montana, destinato ad accogliere tutti, dal camminatore esperto, a chi si sposta con le ruote (disabile o bimbo nel passeggino) e ai non vedenti.

Confalonieri è già sul sentiero per un sopralluogo. E’ arrivato presto dalla Valle Imagna. Con lui la fotografa Laura Benaglia che è partita dalla Brianza, sarà lei a documentare con i suoi scatti il servizio su Orobie che Confalonieri sta preparando per la dedicazione del sentiero a Paolo VI. Entrambi sono affascinati dal luogo, un’opera inserita in un ambiente naturale bellissimo, dove lo sguardo abbraccia le maestose montagne della catena alpina e la pianura che si stende a perdita d’occhio.

Durante l’intervista video a Greppi e Pigazzini compare Peter Nwanoro, un ragazzo originario del Niger che, nel 2015, ha attraversato il Mediterraneo dalla Libia alla Sicilia ed ora è ospite del Comune di Carenno. Peter da tre stagioni aiuta il volontario dell’Associazione Lo Specchio che da anni, senza nessun compenso, fa la manutenzione dell’intero sentiero.

Attendiamo gli amici dello Specchio, una decina, capitanati dal Presidente Alberto Nava. Con loro c’è anche Uber Riva, uno dei protagonisti del nostro docufilm “Un sentiero per tutti”, prodotto dall’Associazione Lo Specchio e dalla nostra Associazione UPPer, presentato in “prima visione” a Carenno a fine febbraio

http://www.unpaeseperstarbene.it/2018/successo-a-carenno-alla-prima-del-film-un-sentiero-per-tutti/

il film verrà replicato nell’ambito di “Foppenico è festa” il 14 giugno 2018 alle ore 21.00, presso l’Oratorio San Michele in piazza Verdi a Calolziocorte.

http://www.unpaeseperstarbene.it/2018/un-sentiero-per-tutti-a-foppenico/

Confalonieri accompagna personalmente Uber per un tratto di strada e lo intervista sulle sue attività sportive (Uber, ipovedente, è campione paraolimpico di sci nautico) e gli chiede le sue sensazioni a percorrere il sentiero.

Al punto del sentiero dove c’è un tavolino per il ristoro ed il riposo dei viaggiatori, Confalonieri chiede a ciascun ospite del CDD il nome, l’età ed il paese di provenienza. L’appunta sul suo taccuino, dialoga con loro con grande capacità di ascolto, coinvolto fin da subito dalla personalità di ognuno.

Poi arrivano gli amici del CAI di Bergamo in una delle consuete passeggiate, con Vincenzo Lolli, presidente della Commissione per l’impegno sociale del CAI bergamasco che ha iniziato nel 2000 ad aiutare ragazzi disabili e i loro educatori a trascorrere una giornata immersi nella natura delle montagne bergamasche.

Con loro una trentina di ospiti: due CDD e due CSE della città di Bergamo (Presolana, Bonsai, Ikebana e Serena Valtesse). Anche con loro Confalonieri chiede nomi, appunta, ascolta, dialoga, attento ad ogni parola…

La passeggiata non può che finire dagli amici Paolo e Cristina del Ritrovo Pertus, che hanno già apparecchiato le tavolate e ci accolgono con la passione e la professionalità che conosciamo. Confalonieri li vuole vedere insieme per una foto di Laura, ma loro sono impegnati a farsi in quattro per servire al meglio tutti. Finalmente si fermano per un minuto e anch’io riesco a fare uno scatto.

A tavola discutiamo con Confalonieri sulla rivista da lui diretta, che ha una storia importante nell’editoria, ma parliamo anche della bellezza di queste montagne, delle persone che si incontrano e dell’importanza di percorsi come questo sentiero per tutti.

A sera Uber, sulla sua pagina facebook pubblica una foto che gli hanno fatto e scrive: “con i ragazzi dello specchio in una giornata spettacolare al Pertus.

Ora non resta che aspettare l’articolo di Paolo Confalonieri su Orobie. Intanto è diventato amico della nostra pagina facebook! 😊

 

 

 

2 Commenti

Di nuovo su “Un sentiero per tutti” con “Lo Specchio” e “Orobie”

  1. Grazie davvero agli amici de “Lo Specchio”, di “UPper”, dei Cdd di Calolziocorte e Bergamo, dei Cse di Bergamo, agli operatori e ai volontari, alla Commissione Impegno sociale del Cai di Bergamo, ma anche a Paolo e a Cristina del Ristoro Pertus, a Peter e Costantino, al sindaco Luca Pigazzini e al presidente della Comunità montana Carlo Greppi. Ci avete dedicato un po’ del vostro tempo e avete condiviso con noi questa bellissima esperienza e questi luoghi stupendi davvero accessibili a tutti. Grazie di cuore!
    Paolo Confalonieri
    direttore della rivista Orobie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.