Stamattina uno sguardo su Facebook, poche parole di Martina, una foto di Elio…

Non sapevo e quasi non ci credo. Come tanti in paese. L’annuncio della scomparsa di Elio Bonanomi, Capogruppo degli Alpini di Monte Marenzo da tanti anni, lascia sgomenti. Qui in paese e nella Valle San Martino dove Elio era conosciuto e apprezzato.

L’ultima volta nel suo ruolo istituzionale, lo abbiamo visto coordinare, inappuntabile come sempre, la cerimonia del 4 novembre. Poche parole con lui. “Ciao Elio, bene?” “E dai, mia mal…”

Con lui sempre poche parole perché badava al sodo. Come le mille volte a Santa Margherita, con altri amici Alpini, a preparare tutto intorno alla Chiesetta. “Elio tutto a posto?” “Tutto a posto!”.

Scorro e raccolgo in una piccola galleria fotografica la sua immagine per ricordarlo. Tantissimi momenti. Ne scelgo alcuni, non solo quelli istituzionali, davanti al Comune per il 25 Aprile, il 2 Giugno o il 4 Novembre, ma tanti altri: il suo impegno, sempre con gli amici Alpini, al Parco ANA, un gioiello di accoglienza e di efficienza; le sfilate in paese e nei raduni Alpini; l’impegno nella manutenzione dei boschi e per i fiumi sicuri; i grandi lavori a Santa Margherita; l’impegno nelle scuole per l’importanza del tricolore e della Costituzione; la sua disponibilità per tante iniziative; le caldarroste e il vino offerto nelle feste; e ancora le castagne in una “doccia” contro la SLA; oppure sollevare tutti, ma proprio tutti, i bambini davanti alla finestra di una cantina per far loro vedere le botti di vino…

Nel 2016 chiedemmo ai Presidenti delle Associazioni di Monte Marenzo cosa si auguravano per l’anno nuovo. Elio ci rispose così: “… mi auguro porti serenità e lavoro per tutti e che tutti noi finalmente capissimo che la vita è fatta di piccole cose e piccole attenzioni gli uni verso gli altri, come tanti anni fa quando la vita era meno frenetica e tutti si aiutavano.

Per il mio gruppo mi auguro che continui così come adesso: tutti uniti e volonterosi verso la nostra comunità, contenti delle piccole cose che facciamo.

Ecco. Così era Elio.

“Sei andato avanti”, come dite voi Alpini. Ci mancherai.

Ci uniamo alla Comunità di Monte Marenzo che si stringerà in un abbraccio a Ivana e Martina e a tutti i tuoi familiari.

4 Commenti

In ricordo di Elio Bonanomi

  1. Riporto il post pubblicato sulla nostra pagina FB.
    Ricorderemo Elio per la calorosa e sempre generosa accoglienza che con sua moglie e il gruppo degli Alpini di Monte Marenzo riservavano agli amici de “LO SPECCHIO” nella Camminata “Toccare il cielo… con un dito” o per una burolata.
    Ciao Elio! Il tuo esempio non andrà perduto.

  2. IN RICORDO DI ELIO BONANOMI
    Elio ci ha lasciato e subito sentiamo che si è aperto un vuoto nella nostra comunità. Perché la sua sensibilità, la sua disponibilità, il suo impegno in mille iniziative, avevano un tratto umano profondissimo. Faceva tantissimo e appariva pochissimo, era sempre presente nei momenti felici e tristi del nostro paese, ma sempre con discrezione, schivo, tratti propri di un uomo buono. Se dovessimo dire chi era Elio non avremmo dubbi: era una persona buona, come lo è chi prova piacere ad aiutare gli altri, a procurare benessere in favore di tutti, senza distinzioni.
    L’AUSER Insieme di Monte Marenzo ricorderà Elio come un vero amico, il Capogruppo degli Alpini sempre disponibile a collaborare, a fare le cose insieme.

    Carla Magni
    e i Soci dell’AUSER

  3. Un alpino non ci lascia mai. Elio, amico e alpino si è spento la notte del 17 gennaio 2018, ma lui sarà sempre con noi, con noi tutti, perché apparteneva a tutto il paese di Monte Marenzo.
    Quando un Amico fraterno come Elio non è più tra noi ti manca il respiro, capisci che le piccole cose quotidiane perdono senso, non hanno più valore.
    Tu perdi ogni riferimento reale. Corri con la mente nei racconti del passato, a rincorrere e catturare, per fissarle, le immagini.
    Io e Elio siamo cresciuti insieme. Stessa età, abbiamo fatto assieme le scuole elementari, poi il calcio nella polisportiva, poi l’età della adolescenza. Poi da giovani tutti in vespa, la naia, lui negli Alpini e io in Marina, a tifare Inter; poi il lavoro. Lui era un bravo idraulico, anche se ha continuato a lavorare a Lecco nell’Enel.
    Come capogruppo degli Alpini Elio è stata un gran bella persona, un gran lavoratore, altruista e sempre attivo. La sua specialità era dialogare e collaborare con tutti, istituzioni e associazioni, si rimboccava le maniche e si metteva alla griglia e sfornare frittelle e patatine fritte.
    Quando perdi un Amico il tuo cuore si riempie di tristezza e ti viene la voglia di non fare più niente. Ma se guardi alla vita di Elio il suo ricordo ti dà la forza di continuare, affinché il suo impegno e la sua disponibilità per gli altri prosegua.
    Lo vedremo sempre lì; a guidare il pulmino dei disabili, a organizzare le cerimonie del 4 Novembre e del 25 Aprile, a gestire il Parco Penne Nere, a raccogliere fondi per Telethon, nonché per le calamità nazionali.
    La Polisportiva di Monte Marenzo, con tutti ragazzi che l’hanno conosciuto e apprezzato, lo ricorderemo sempre con profondo affetto. Siamo vicini alla famiglia per condividere il loro dolore.

    Angelo Fontana

    Per espressa volontà della famiglia, per quanti vogliono ricordare Elio, possono donare un contributo per la ricerca contro il Cancro, Airc, il versamento può essere fatto in occasione della raccolta Arance della Salute che si svolgerà Sabato 27 Gennaio presso l’atrio comunale di Monte Marenzo.

  4. A nome del Sindaco e dall’Amministrazione Comunale di Cisano Bergamasco porgo le mie più sentite condoglianze alla famiglia e a tutta la comunità di Monte Marenzo per la scomparsa dell’Alpino Elio Bonanomi,valoroso Presidente della sezione locale.

Scrivi un commento