Domenica 27 maggio 2018 si è tenuta l’inaugurazione della nuova sede municipale di Monte Marenzo. Sulla Piazza antistante il sindaco Paola Colombo ha rivolto il saluto dell’Amministrazione alle autorità e ai cittadini intervenuti, ricordando i passaggi tecnici ed economici che hanno portato a questa realizzazione. In particolare ha sottolineato l’esigenza, per una amministrazione lungimirante, di riqualificare il proprio patrimonio edilizio in ragione degli adeguamenti strutturali antisismici e del contenimento energetico

Il nostro tricolore è stato tagliato dal Consigliere comunale Franco Spreafico, che ha curato in prima persona tutte le fasi dell’opera, attorniato dai sindaci di Monte Marenzo e dalle autorità.

Il bel servizio fotografico è di Adriano Barachetti.

Riportiamo integralmente il saluto del sindaco.

Buongiorno e benvenuti all’inaugurazione del nostro palazzo municipale ristrutturato. Saluto e ringrazio per la presenza il comandante della stazione dei carabinieri di Calolziocorte, maresciallo Fabio Marra, il sindaco di Erve Giancarlo Valsecchi, il sindaco di Carenno Luca Pigazzini, il nostro parroco don Giuseppe, gli Alpini con il capogruppo Fulvio Carenni e le associazioni presenti.

Ho voluto invitare gli ex sindaci di Monte Marenzo, Franco Ravasio, Angelo Gandolfi, Mauro Colombo e Cattaneo Angelo.

L’edificio municipale è stato costruito nel 1973 durante l’amministrazione guidata da Franco Ravasio. Durante il suo mandato lo fece costruire in sostituzione della vecchia sede, a suo tempo demolita, che sorgeva proprio in mezzo a questa piazza. Per la costruzione del Municipio era stato acceso un mutuo con la CARIPLO per l’importo di 30.000.000 di lire e l’ultima rata semestrale, che ammontava ad 665 euro è stata pagata il 31/12/2007.

L’edificio comunale al piano terra, oltre all’ufficio postale, ha ospitato negli anni anche la biblioteca comunale, uno sportello bancario e un dispensario farmaceutico che ora hanno trovato ubicazione altrove.

Una decina di anni fa, l’amministrazione comunale di allora, aveva ritenuto opportuno pensare alla ristrutturazione del palazzo municipale ed ha avuto la lungimiranza di far preparare un progetto in attesa di poter partecipare ai bandi a fondo perduto, che periodicamente vengono emessi dallo stato. L’occasione è arrivata nel 2015 con il bando denominato “6000 campanili” riservato ai comuni al di sotto dei 5000 abitanti.

Grazie alla validità del progetto redatto dallo studio di architettura Secchi Frassoni e Colombo, nonché grazie alla velocità e puntualità nel cliccare del nostro responsabile dell’area tecnica dott. Giancarlo Frigerio, ci siamo aggiudicati a maggio 2015 questo importante finanziamento di 400.000 euro.

Il cantiere è stato aperto ad agosto del 2016 e durante i lavori gli uffici comunali sono stati trasferiti e concentrati nel locale della sala civica e della biblioteca al piano terra dell’edificio scolastico. Grazie all’impegno del direttore lavori arch. Secchi e della ditta Guerinoni, che ha realizzato le opere, abbiamo chiuso i lavori nei tempi prestabiliti e il 23 settembre del 2017 gli uffici sono ritornati nell’edificio ristrutturato.

Gli uffici e i servizi comunali che prima erano disposti su due livelli, sono stati portati tutti al 1° piano. Il piano terra, dove si trova l’ufficio postale, verrà utilizzato per altri servizi e/o affittato per favorire le nuove startup costituite da giovani. La sala consigliare è stata spostata nella sala civica adiacente la biblioteca, ed è in previsione la realizzazione di un nuovo ingresso dedicato dal parcheggio di via Marenzi.

Oltre al consolidamento antisismico, l’intervento di efficientamento energetico dell’edificio comunale permetterà di ridurre il consumo di gas e grazie alle nuove lampade a led e ai pannelli fotovoltaici anche un minor consumo di energia elettrica. In questo modo avremo minori emissioni in atmosfera nel rispetto dell’ambiente e una diminuzione della spesa, i cui risparmi verranno utilizzati per altri investimenti.

Quest’opera si aggiunge ad altre opere pubbliche che questa amministrazione ha realizzato nei primi quattro anni di mandato. I nuovi spogliatoi della palestra comunale, la ristrutturazione del fondo del campetto polivalente, un primo intervento per la sistemazione della frana di Ravanarro, le telecamere di videosorveglianza con lettura targhe, l’acquisto della nuova auto della polizia locale e la sostituzione della caldaia della vecchia scuola elementare.

Il compito di un’amministrazione comunale, oltre ad erogare servizi che caratterizzano un paese attento, moderno e solidale, è quello di realizzare opere utili che possono migliorare la qualità della vita dei cittadini. Soprattutto saranno un patrimonio importante per le future generazioni, perché come ci insegna la storia recente, i paesi e le nazioni più attrattive sono quelle che più investono in infrastrutture e servizi. Inoltre, gli investimenti pubblici hanno un moltiplicatore altissimo e speriamo che il nuovo governo metta a disposizione le risorse necessarie per finanziare le infrastrutture di cui la nostra Regione necessita, in particolare per il nostro territorio completare l’intero lotto della strada Lecco-Bergamo.

Prima di lasciare la parola ai progettisti che illustreranno quanto realizzato, desidero ringraziare per l’ottimo lavoro e per la buona riuscita di quest’opera il nostro tecnico comunale il dott. Giancarlo Frigerio, il geometra Mirko Alborghetti, il consigliere geom. Franco Spreafico e tutti i dipendenti degli uffici del comune, che hanno svolto per un anno la loro attività “stipati” in sala civica.

L’Amministrazione Comunale, con questa nuova opera pubblica, è certa di riuscire ad offrire degli spazi più funzionali per una migliore organizzazione dei servizi.

Ringrazio ancora le autorità presenti e tutti i cittadini intervenuti a questa cerimonia al termine della quale vi invitiamo ad un piccolo aperitivo a cura del ristorante pizzeria Patrunzì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.