Browse By

Manovra iniqua. Sciopero confermato. Il presidio a Lecco in Piazza XX settembre a partire dalle ore 15,00

Lunedì 12 dicembre 2011, 3 ore di sciopero UNITARIO contro la manovra del Governo. 8 ore per la Fiom Cgil.

Sindacati insoddisfatti dopo l’incontro col presidente del Consiglio Mario Monti.

Cgil, Cisl e Uil  confermano quindi le 3 ore di sciopero generale unitario (il primo dopo molti anni) per oggi 12 dicembre 2011 contro la manovra del Governo Monti.

La manovra proposta dal Governo contiene molte parti inaccettabili e che non la configurano come una manovra equa, ma che grava su lavoratori e pensionati, già colpiti dalle precedenti manovre.

La non indicizzazione per le pensioni basse è una tassa sulla povertà, l’anzianità a 40 anni diventa impraticabile e provoca gli effetti di sottrazione di un diritto e di destabilizzazione del mercato del lavoro e per restare ai temi centrali la somma di IMU, IVA e addizionali IRPEF Regioni e Comuni più accise spostano sui soliti noti gran parte delle entrate per tassazione.

Lo sciopero, relativo alle ultime 3 ore della giornata o del turno, prevederà un presidio a Lecco in Piazza XX settembre a partire dalle ore 15,00.

SCIOPERO-12-DICEMBRE-2011-VOLANTINO

Un pensiero su “Manovra iniqua. Sciopero confermato. Il presidio a Lecco in Piazza XX settembre a partire dalle ore 15,00”

  1. Ho già scritto, poche ore dopo il varo della manovra Monti, perché considero iniqui i provvedimenti del Governo.
    Oggi arriva un’altra notizia.
    Secondo i dati diffusi dal presidente dell’Istat l’evasione del fisco si può valutare fra il 16,3% e il 17,5% del Prodotto interno lordo. Una cifra che oscilla fra i 255 e 275 miliardi di euro.

    Nel 1981 l’ex ministro delle Finanze Franco Reviglio rivelo’ che l’evasione fiscale si poteva valutare “in circa 28 mila miliardi, pari a sette-otto punti del reddito nazionale”.

    I 28 mila miliardi di lire dell’81 equivalgono a 54 miliardi di euro attuali. Quindi l’evasione fiscale si è quintuplicata negli ultimi 30 anni.

    Ora se l’evasione è ormai diffusa a qualunque livello, non si può dire non si può fare nulla e continuare a colpire pensioni e lavoratori. Ecco perché la manovra è iniqua.
    E se un governo (tecnico o politico) non è capace di fare nulla per la vera emergenza del paese (l’evasione e l’elusione) quel governo non serve a nulla.
    Un po’ semplice? Scusate ma io sono abituato a fare 2+2=4 e quasi sempre ci azzecco.
    Alternative? I professori al governo hanno studiato negli USA, quindi sanno come funziona lì: gli evasori vanno in galera (sul serio!). Basterebbe imitare gli USA non solo per Halloween.
    O forse non sappiamo le lingue e non riusciamo a tradurre?
    Ci sono migliaia di giovani disoccupati che le sanno… Se mettessimo loro al posto di professori e politici incapaci?

Rispondi a Sergio V Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.