Browse By

Adda in secca. L’emergenza idrica documentata da una foto

Adda in secca in una foto scattata dalla Cà, sotto Rossino e che ritrae il tratto del fiume vicino al Lavello (il capannone lungo e basso è il Pellicano) tra Calolziocorte ed Olginate.

Più che tante parole basta questa immagine a documentare l’emergenza idrica del nostro territorio.

Clicca per ingrandire la foto di Stefania Francesca Orsini (che ringraziamo).

(Aggiungo anche due foto scattate da Monte Marenzo da Angelo Fontana) 

18 pensieri su “Adda in secca. L’emergenza idrica documentata da una foto”

  1. quando passo per i miei campi, il mio orto, il mio frutteto, il campo di grano saraceno, mi sembra sempre di percepire uno strano silenzio; ogni pianta, ogni fiore, ogni filo di erba sono occupati a resistere, resistere, resistere…. e penso che l’immagine che rende desolatamente meglio la situazione attuale sia l'”Urlo di Munch” … sorella acqua, quanto ti abbiamo bistrattata, sciupata, avvelenata…

  2. Avrete senz’altro notato come stiano riaffiorando di nuovo le alghe vicino al Lavello.

    La siccità e il gran caldo stanno caratterizzando questa lunga estate.
    Qualche dato rilevato dall’osservatorio di Sopracornola confrontato con l’anno passato.

    Precipitazioni:
    giu+lug+ago 2011: 565 mm.
    giu+lug+ago 2012: 285 mm.

    Giornate con temperature superiori ai trenta gradi:
    2011 12 giornate
    2012 22 giornate (e non e’ ancora finita!)

    Buona domenica a tutti!
    Roberto

  3. Bello visionare il nostro territorio da una nuova angolazione, bravo!
    Quindi possiamo riporre l’ombrello ?
    Ma i “luminari metereologici” cosa ne pensano della stagione che sta iniziando?

  4. Nonostante gli interventi dei giorni scorsi con l’inserimento in alveo di due briglie in massi ciclopici, e le precipitazioni di domenica e lunedì (28.4 mm. l’accumulo complessivo rilevato da MeteoSopracornola, il livello dell’Adda è sempre preoccupante, e gli isolotti sono ancora ben visibili (qui si può vedere l’inquadratura odierna della webcam da Sopracornola http://i43.tinypic.com/iqag61.jpg)

    Un saluto

  5. E’ vero, è un dato preoccupante.

    Guardate anche Lecco (fonte MeteoLecco):
    ott + nov + dic (2010) + gen + feb (2011) -> 716.5 mm.
    ott + nov + dic (2011) + gen + feb (2012) -> 240.3 mm.

    e più su, in Valtellina, Piateda (fonte MeteoPiateda):
    ott + nov + dic (2010) + gen + feb (2011) -> 503.6.0 mm.
    ott + nov + dic (2011) + gen + feb (2012) -> 294.6 mm.

    Ciao

    ps: da domenica sera dovremmo vedere qualche precipitazione, anche nelle due/tre giornate successive …

  6. Quindi dai dati, si nota una differenza di 502,4 mm. 🙁
    è un dato preoccupante o mi sbaglio?
    Questa scarsità di precipitazioni è solo sul nostro territorio,
    o è in un contesto più ampio?
    Gia.

  7. Qualche dato sulle precipitazioni di questi ultimi mesi comparati con l’anno precedente:

    ott + nov + dic (2010) + gen + feb (2011) -> 782.0 mm.
    ott + nov + dic (2011) + gen + feb (2012) -> 279.6 mm.

  8. Grazie per la segnalazione. Ho visto la webcam ovest che conferma quanto scritto, e complimenti per il sito (che non conoscevo) con i dati di metereologia in tempo reale e i dati storici.

  9. Varie famiglie mi chiedono informazione sulla banda larga!
    Anche il sottoscritto è pienamante interessato.
    Continuo a svolgare ricerche su questa materia,ma purtroppo sul nostro territorio scarseggiano.
    A presto,Gia.

  10. Ho aggiunto anche due foto scattate da Monte Marenzo da Angelo Fontana. Veramente impressionante la secca.
    Segnalo anche che il problema è la conseguenza dei lavori fatti a suo tempo per permettere la navigazione del fiume con l’Addarella, il battello elettrico.
    Proprio in questi giorni è apparso un articolo sulla Provincia di Lecco che informa dei prossimi lavori di ripristino.
    Insomma altri soldi per un’opera discutibile.
    http://www.laprovinciadilecco.it/stories/Cronaca/267282_calolziocorte_parco_adda_nord_countdown_per_linizio_dei_lavori/

Rispondi a marilena Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.