Browse By

Il regno delle donne (8 marzo 2012)

Il regno delle donne

 

Cè un regno tutto tuo

che abito la notte

e le donne che stanno lì con te

son tante, amica mia,

sono enigmi di dolore

che noi uomini non scioglieremo mai.

Come bruciano le lacrime

come sembrano infinite

nessuno vede le ferite

che portate dentro voi.

Nella pioggia di Dio

qualche volta si annega

ma si puliscono i ricordi

prima che sia troppo tardi.

 

Guarda il sole quando scende

ed accende d’oro e porpora il mare

lo splendore è in voi

non svanisce mai

perché sapete che può ritornare il sole.      

E se passa il temporale

siete giunchi ed il vento vi piega

ancor più forti voi delle querce e poi

anche il male non può farvi del male.

 

Una stampella d’oro

per arrivare al cielo

le donne inseguono l’amore.

Qualche volta, amica mia,

ti sembra quasi di volare

ma gli uomini non sono angeli.

Voi piangete al loro posto

per questo vi hanno scelto

e nascondete il volto

perché il dolore splende.

Un mistero che mai

riusciremo a capire

se nella vita ci si perde

non finirà la musica.

 

Guarda il sole quando scende

ed accende d’oro e porpora il mare

lo splendore è in voi

non svanisce mai

perché sapete che può ritornare il sole

dopo il buio ancora il sole.

E se passa il temporale

siete prime a ritrovare la voce

sempre regine voi

luce e inferno e poi

anche il male non può farvi del male.

 

Alda Merini

 

Per le amiche UPper. 8 marzo 2012

3 pensieri su “Il regno delle donne (8 marzo 2012)”

  1. In biblioteca potete trovare lo scaffale tematico:
    “Festa della donna… IO L’8 TUTTI I GIORNI!”
    pieno di testi, saggi e romanzi sull’universo femminile, la condizione della donna e altro ancora!

  2. Inno alla donna
    Alda Merini

    Stupenda
    immacolata fortuna
    per te tutte le culture del
    regno
    si sono aperte
    e tu sei diventata la
    regina
    delle nostre ombre
    per te gli uomini
    hanno preso
    innumerevoli voli
    creato l’alveare del
    pensiero
    per te donna è sorto
    il mormorio dell’acqua
    unica grazia
    e tremi per i tuoi
    incantesimi
    che sono nelle tue mani
    e tu hai un sogno
    per ogni estate
    un figlio per ogni pianto
    un sospetto d’amore
    per ogni capello
    ora sei donna tutto un
    perdono
    e così come ti abita
    il pensiero divino
    fiorirà in segreto
    attorniato
    dalla tua grazia.

  3. Grazie!
    Se volete farvi un regalo vi consiglio un libro splendido sulla forza, il valore, la bellezza, il miracolo delle donne:

    Erri De Luca “Le sante dello scandalo”

    Di nuovo buon otto marzo a tutte.

Rispondi a Luciana Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.