Ieri mattina una rappresentanza dell’Associazione Lo Specchio e di UPper ha presentato ad alcuni ragazzi delle classi seconde medie nelle sedi di Vercurago (2 classi al mattino), Torre de Busi e Carenno (nel pomeriggio), il video “Soggettiva h”, realizzato dalle nostre Associazioni con Dinamo Culturale e i ragazzi e le ragazze della 4SA e 4SB (AS 2012/13) dell’Istituto Bertacchi di Lecco (Scienze Umane).

Una foto di scena di Giorgio Toneatto durante le riprese del film "Soggettiva h"

L’occasione è stata offerta dall’Istituto Comprensivo di Calolziocorte nell’ambito della “Settimana dei Valori”.

Alberto Nava, Presidente dell’Associazione “Lo Specchio”, con altri due volontari, Valentino Bonaiti e Antonietta Bolis, hanno presentato le attività dell’Associazione.

I Volontari dello Specchio spiegano: Non facciamo nulla di strabiliante e spettacolare ma con iniziative semplici e concrete cerchiamo di mostrare la nostra amicizia e vicinanza a chi è limitato da un handicap.  In particolare ci occupiamo di Tempo libero (uscite e gite con diversamente abili, in particolare con gli utenti del Centro Diurno Disabili di Calolziocorte e feste e momenti di aggregazione), ma non dimentichiamo Iniziative di sensibilizzazione: Rassegne teatrali – Dibattiti – consulenza ed informazione sui diritti dei disabili – impegno per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Un’iniziativa che ci sta particolarmente a cuore perché ci permette la sensibilizzazione sulle tematiche della disabilità nelle nuove generazioni, promossa dalle scuole medie dell’Istituto A.Manzoni, è la Settimana dei Valori. Insieme ad altre Associazioni del territorio che lavorano in svariati ambiti del Volontariato, anche noi ci presentiamo a tutti gli studenti di 2.a media, illustrando le nostre attività abbinando all’incontro un video che in pochi minuti dà ottimi spunti di riflessione sul tema della disabilità. L’intento è di abbattere la prima e più importante barriera che è quella culturale: l’indifferenza, il disimpegno, il pregiudizio nei confronti del disabile. Si apre così la strada verso la “città per tutti”, che pur restando ideale, pian piano si realizza, tassello dopo tassello, con il contributo di ognuno di noi che scopriamo non tanto cosa “dobbiamo dare ad un disabile”, ma quanta ricchezza e quanta amicizia ha da contraccambiarci.

Per far capire meglio questi concetti insieme a noi di UPper abbiamo raccontato le tematiche del film “Soggettiva h”, seguito con grande attenzione dai ragazzi (con qualche eccezione) che hanno posto domande e risposto alle nostre sollecitazioni.

Il “test” avviato ieri con loro, dimostra che il “progetto ambizioso” di realizzare un film scritto con i ragazzi e destinato ai ragazzi su un tema importante come la disabilità, funziona con ottimi riscontri. Lo verificheremo ancora sabato nella seconda giornata della Settimana dei Valori presso le Scuole medie di Calolzio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.