Tra le molte, belle iniziative che hanno animato la scorsa domenica 5 ottobre la Mostra Agricola Valle San Martino, meglio conosciuta e frequentata come ‘Fiera di Carenno’, si è potuta ammirare una originale ‘performance’ presentata dal Gruppo Muratori e Amici di Ca’Martì.

I visitatori del sito di UPper conoscono già il museo di Carenno dedicato ai muratori e l’Associazione che lo sostiene,  grazie a una lunga intervista al suo presidente, Luigi Rigamonti, apparsa lo scorso gennaio, corredata da belle immagini di Giorgio Toneatto http://www.unpaeseperstarbene.it/2014/il-sapere-dei-muratori-luigi-rigamonti-ci-guida-al-museo-di-ca-marti/

In occasione della Fiera d’ottobre, gli Amici di Ca’Martì ormai da alcuni anni allestiscono una ‘vetrina’ del museo, impegnandosi inoltre in una dimostrazione dal vivo di tecnica tradizionale legata al loro lavoro, quale, nelle scorse edizioni, la posa di acciottolato o lo spegnimento della calce.

Lo scopo è valorizzare, anche fuori dal museo, e far riscoprire quel ‘sapere delle mani’ che sta alla base della professionalità custodita da generazioni di artigiani della nostra Valle, apprezzata ben fuori dai confini locali.

Quest’anno i volontari del Gruppo si sono cimentati in una nuova impresa, mettendo in luce una delle ‘materie prime’ tradizionalmente reperite sui versanti montani del territorio: il legname, soprattutto di castagno, grandemente utilizzato in edilizia per le sue notevoli qualità.

Pannello del percorso museale “La valle dei muratori” dove si illustra la Chiesa vecchia (tappa 2) con il particolare della capriata originale

Gli esperti artigiani hanno così realizzato, secondo la tecnica tradizionale, con solo lavoro manuale e legname di origine locale, una copia in scala 1:2 di una capriata, prendendo a modello la struttura interna quattrocentesca, a doppia falda, del tetto della Chiesa dei SS. Pietro Paolo e Biagio ( la ‘Chiesa Vecchia’).

La capriata è stata montata in Fiera presso lo stand del museo, smontata e ricomposta più volte per il pubblico interessato o incuriosito. In bella vista erano pure esposti gli attrezzi utilizzati per la lavorazione della ‘catena’ (la trave di base) e delle altre componenti della struttura.

I ‘mastri carpentieri’ del Gruppo Muratori e Amici di Ca’Martì che hanno realizzato l’opera esposta in Fiera sono, oltre a Luigi Rigamonti: Pino Carsana, Gianni Carsana e Francesco Bonaiti.

Con il Comune di Carenno, sono attualmente coinvolti nel progetto di completamento dell’allestimento del museo (co-finanziato da Regione Lombardia).

Mentre ci invitano di nuovo a visitare e conoscere il museo ed a far parte dell’Associazione che lo sostiene, ci passano una loro riflessione d’attualità, sotto forma di domanda.

Eccola. Dalla sapienza del passato a un nuovo futuro: la nostra agricoltura, che sta utilmente riscoprendo antiche produzioni, potrà ritornare a fornire anche legno d’opera dai nostri boschi, ieri una ricchezza, oggi spesso in abbandono…?

 

 

A corredo di questo resoconto, alleghiamo una scheda/proposta degli Amici ed alcune immagini (gentilmente fornite da Sofia Carsana), rimandando ad un breve filmato che abbiamo curato sul posto

CM



Categorie: Cultura & Scuola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.