Browse By

Referendum costituzionale: dite la vostra

referendum-9-7Il 4 dicembre gli elettori sono chiamati a esprimersi per il referendum il cui esito determinerà l’entrata in vigore della riforma costituzionale o la sua bocciatura definitiva.

Noi della redazione del sito di UPper ci siamo interrogati come affrontare l’argomento, indecisi se scrivere uno o più articoli e se ospitare gli interventi di quanti vogliono dire la loro opinione su un referendum che i partiti e i media hanno estremamente politicizzato. Si correva il rischio di violare le norme che ci siamo dati nella Policy del Sito.

Alla fine abbiamo deciso di aprire uno spazio (questo articolo) e lasciare ai lettori la possibilità di intervenire nello spazio “Commenti” che trovate in basso.

Una sola regola: le ragioni del Sì e del No o dell’astensione al voto, devono essere espresse a titolo rigorosamente personale, non a nome di questo o quel partito o movimento o schieramento.

Si lascia quindi il proprio nome e cognome e lo spazio è aperto a tutti.

Buona e (si spera) civile discussione.

 

6 pensieri su “Referendum costituzionale: dite la vostra”

  1. Secondo me e bene dare una buona sforbiciata al numero dei parlamentari che hanno fatto solo ed esclusivamente i loro interessi. Rimanere il più possibile in parlamento tanto lo stipendio corre lo stesso( e che stipendio si sono regolati) tanto pagano gli italiani. Per me sono troppi i parlamentari che gli italiani pagano a fondo perdut senza vedere un briciolo di vantaggi per noi essere mortali. Per fortuna che la parola spetta a noi che se fosse stata che votavano solo i politici il risultato sarebbe stato di tutt’altra natura.

  2. Vorrei solo sottolineare che ognuno probabilmente si sente più vicino a una delle due posizioni, o tre con l’astensione, purtroppo però sempre di più ci si fermiamo a delle sensazioni, a quello che ci suscita una delle posizioni, al fatto che ci sentiamo più vicini ad un certo partito, movimento, corrente o personaggio che sostiene una o l’altra parte e che poco cerchiamo di informarci e farci un’idea in prima persona. Penso qualsiasi sia la nostra inclinazione buona cosa è cercare di avere le informazioni sufficienti per costruirci un pensiero personale sufficientemente “profondo” da saperlo motivare. La serata di venerdì penso sia un buon momento per informarsi, confrontarsi e farsi un’idea delle ragioni di una parte, del NO, poi ci si può informare anche delle ragioni dell’altra posizione per poter scegliere con maggiore cognizione di causa.

  3. E’ solo una segnalazione su un evento pubblico… non ho scritto “a nome di” qualcuno. E non ho preso posizione “per questo o per quello”. Se c’è un’assemblea pubblica a Monte Marenzo per capire le ragioni dell’uno e dell’altro mi pare doveroso segnalarla, anche per farci capire un po’ di più al di là degli slogan di questo o quel Partito.
    Grazie comunque Marina per avermi fatto notare che la mia segnalazione poteva essere intesa così. Ora spero di aver chiarito.

  4. Tu scrivi: Una sola regola: le ragioni del Sì e del No o dell’astensione al voto, devono essere espresse a”titolo rigorosamente personale”, non a nome di questo o quel partito o movimento o schieramento…quindi la tua segnalazione, Sergio, secondo queste regole, non avresti dovuto riportarla.

  5. Segnalo la prima iniziativa pubblica per il NO, il 21 ottobre, venerdì a Monte Marenzo ore 20.45 Casa Corazza , organizzato da ANPI – Valle San Martino – Comitato Per La Democrazia Costituzionale – Monte Marenzo.
    Sarà presente il giornalista Duccio Facchini, autore fra l’altro del libro “Le Ragioni del NO”.

Rispondi a Cinzia Mauri Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.