Browse By

Il video di “Io sono la mia opera” per la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne

Il 25 novembre, per noi, non è solo la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne. 

Non solo violenza, anche discriminazione.

Lo denunciammo con uno spettacolo di teatro civile. Uno spettacolo rappresentato in anteprima il 26 maggio 2013 a Monte Marenzo,  due volte a novembre e dicembre del 2013 a Lecco e intorno all’8 marzo 2014 a Cisano Bergamasco e a Cassago Brianza.

La storia di vite discriminate, violate, soppresse barbaramente: l’ateniese Agnodice (Daniela Turla) III sec a.C., perseguitata per l’esercizio dell’arte medica; Ipazia (Paola Viganò) III sec. d.C., filosofa e scienziata alessandrina, straziata dal fanatismo di integralisti cristiani; Artemisa Gentileschi (Elisa Barachetti) sec. XVII, limpida e violentata pittrice caravaggesca; Olympe de Gouges (Claudia Pavoni) sec. XVIII, femminista ante litteram della rivoluzione francese e da questa ghigliottinata. Fino ad arrivare all’oggi: Anna Politkovskaja (Sara Faggiano), giornalista russa, uccisa per aver denunciato le violenze commesse dalle truppe di Mosca in Cecenia e in altre ex repubbliche sovietiche; Hina Saleem (Aurora Spreafico), ragazza bresciana di origine pakistana, trucidata dai familiari perché pretendeva il diritto di vivere come qualsiasi ragazza italiana.  Donne che hanno subito violenza da parte del potere e dalla famiglia. Teatro civile che dà voce a chi è stata discriminata nel corso dei secoli e lo è tutt’oggi.

Musiche originali eseguite dagli Ouroborus. Luci – Roberto Milani – Adattamento teatrale – Sergio Vaccaro.

“Anche oggi”, avevamo scritto nei sei cartelli finali che le attrici mostravano al pubblico: anche oggi discriminazione, anche oggi istruzione negata e nessun potere, anche oggi violenza, anche oggi diritti negati, anche oggi senza libertà, anche oggi femminicidio.

Riproponiamo qui, nello spazio video alcune scene di “Io sono la mia opera”  Il sesso superiore sia in bellezza che in coraggio.

Le riprese video sono di Angelo Gandolfi e Giorgio Toneatto.

Consigliamo di vedere il video dalla pagina Youtube, a pieno schermo e col volume alto. 

Cliccate sull’immagine per avviare il video:

Un pensiero su “Il video di “Io sono la mia opera” per la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne”

Rispondi a Sergio Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.