Browse By

Archivio tag: Cristina Melazzi

Nessuna miniatura

Marina Mazzola riceve il premio del concorso fotografico UPper

UPper era debitore di un premio del nostro secondo concorso “fotografo la mia vacanza”. Come scritto nell’articolo sulla premiazione http://www.unpaeseperstarbene.it/2012/concorso-fotografico-rita-vassena-ritira-il-premio-in-videoconferenza/, era assente una delle finaliste, Marina Mazzola, in viaggio. Oggi, approfittando della Mostra inaugurata in Sala Civica organizzata dalla sezione Aido di Monte Marenzo di

Nessuna miniatura

Concorso fotografico. Luigi Pavoni

Luigi Pavoni, da Seriate, partecipa alla nostra seconda edizione del Concorso “Fotografo la mia vacanza” con tre immagini scattate a Tortoreto Lido il 1 agosto 2012 con un unico tema:  “le gabbianelle”. Ricordiamo ai visitatori del nostro sito che vogliono partecipare al concorso di inviare

Nessuna miniatura

Concorso fotografico. Barbara Panzeri

Barbara Panzeri partecipa alla seconda edizione del nostro concorso “Fotografo la mia vacanza” e ci manda tre immagini scattate il 05.08.2012 in una fattoria nei pressi del Muro di Sormano con un unico tema: “Duetti della fattoria” Titolo 1° foto “Felini” Titolo 2° foto “Equini” Titolo 3° foto “Pennuti” Ricordiamo

Nessuna miniatura

Concorso fotografico. Cristina Melazzi

Tre foto di Cristina Melazzi che ci manda un messaggio per la seconda edizione del nostro concorso “Fotografo la mia vacanza”:   A dir la verità trovo molto piacevole scoprire su Upper, con  la scusa (pardon: l’occasione…)  del concorso, sempre nuove immagini, scattate da conoscenti o sconosciuti, che

Nessuna miniatura

Concorso fotografico: Cristina M.

Storia, cultura e natura nelle immagini di Cristina M. sulla Sardegna. 1:  “Nel vuoto” – località Tonara (NUoro) mt. 1000 slm – 3 luglio 2011. 2:  “Natura: una storia di secoli” – località  Ghenna ‘e Crecu, Tonara (NUoro) mt. 1000 slm – 3 luglio 2011. 3: ” Museo della cultura

Nessuna miniatura

Quando la biblioteca produce cultura

Matteo ha sapientemente atteso che il silenzio fosse completo, non solo che si fosse spento anche l’ultimo brusio nel buio della sala. Al cenno di Elisa ha atteso ancora un poco. Ha atteso che il silenzio assumesse uno spessore quasi fisico, che divenisse consapevolezza di tutti