Dal 30 maggio 2019 al 6 gennaio 2020 le sale della GAMeC – Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo ospitano Libera. Tra Warhol, Vedova e Christo, secondo progetto del ciclo La Collezione Impermanente, la piattaforma che dal 2018 si propone di fare della Collezione del museo uno strumento di attivazione di memorie e di coinvolgimento del pubblico attraverso l’utilizzo di format espositivi innovativi.

Concepito come un omaggio alla libertà creativa e all’emancipazione dai vincoli della tradizione, il progetto espositivo nasce dall’incontro tra le raccolte della GAMeC e un nucleo di prestigiosi lavori confiscati in Lombardia e gestiti dall’Agenzia Nazionale per l’amministrazione dei beni sequestrati, e presenta al pubblico una ricca selezione di opere di alcuni tra i più celebri artisti internazionali della seconda metà del Novecento.

Trasferita al Comune di Bergamo per volere del Segretariato Regionale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali per la Lombardia, la raccolta confiscata è messa per la prima volta in dialogo con la Collezione della GAMeC, e offre un’occasione unica di conoscenza e approfondimento delle più importanti correnti artistiche internazionali – dall’Informale all’Astrazione geometrica, dal Nouveau Réalisme alla Pop Art, dal Minimalismo all’Arte Povera – attraverso stimolanti confronti e associazioni.

PER MAGGIORI INFO

Libera. Tra Warhol, Vedova e Christo

Il ritrovo con il circolo La Gemma avverrà presso la mostra (in Via San Tommaso, Bergamo), alle ore 15:30 di sabato 14 dicembre 2019, l’iscrizione per la partecipazione alla visita guidata avrà un costo di 10 euro ed avverrà il giorno stesso della partecipazione alla mostra. Per maggiori info, consultare la locandina sottostante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.