Ieri pomeriggio, nel cortile del Bar Fornace a Monte Marenzo, si è tornati indietro nel tempo con “Ol scartòz del melgòt”, ovvero il laboratorio per grandi e piccini con “le foglie di pannocchia”.

L’Associazione Agricoltori Valle san Martino ha proposto il laboratorio nell’ambito delle iniziative di “Natale con noi”  http://www.unpaeseperstarbene.it/2012/natale-con-noi-2012-il-programma-completo/.

Così gli amici dell’Azienda Agricola Paolo Amato e Az. Agricola Chiaravalle insieme ad altri amici di UPper e la collaborazione dell’Oratorio,  hanno insegnato ai bimbi come fare fiori, bambole, fantasmi con le foglie di pannocchie e poi a riempire piccoli cuscini per far capire come erano i guanciali di una volta.

E, accanto al fuoco alimentato nel bidone per scaldare il freddo pomeriggio, si è fermato qualche anziano ed anziana del paese che  ha dato la propria consulenza andando con la memoria ai tempi in cui, proprio il quel cortile di Fornace, si svolgeva l’antico rito della spannocchiatura.

C’era anche Tobia il cestaio, che con lunghe sottili strisce ricavate dai rami del castagno, li intrecciava con maestria per realizzare i suoi canestri.

I bimbi sono stati felici di imparare e di gustare la cioccolata offerta dai gestori (gentilissimi per l’ospitalità) del Bar Fornace (ed i grandi, genitori e lavoranti hanno gradito le bevande calde offerte).

Nelle foto di Adriano Barachetti alcuni momenti del bel pomeriggio passato assieme.

 

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.