Browse By

Quando i lavoratori dicono NO

Alcune settimane fa abbiamo aperto su questo sito una discussione sulla precarietà del lavoro nel nostro territorio http://www.unpaeseperstarbene.it/2011/tutti-rumeni-il-lavoro-dei-tempi-moderni/

Poi, in una tavola rotonda con alcuni lavoratori, abbiamo avuto da loro la conferma di come sia sempre più difficile convivere con i colpi della crisi economica e la rigidità di imprenditori sempre più orientati al solo profitto e insensibili alle problematiche dei dipendenti

http://www.unpaeseperstarbene.it/2011/il-lavoro-precario-nel-nostro-territorio-ne-parliamo-con-i-lavoratori/

Oggi, in una delle più importanti Aziende del Calolziese, la Fontana Pietro S.p.A. engineering e costruzione stampi, che impiega anche una decina di nostri cittadini di Monte Marenzo, si è svolto uno sciopero con presidio esterno da parte dei lavoratori.

Lo sciopero è stato proclamato in concomitanza con un incontro tra il Sindacato e l’Azienda per discutere di personale in esubero e di premio di produzione.

L’adesione dei lavoratori è stata massiccia perché i dipendenti contestano all’Azienda le scelte di delocalizzazione all’estero di alcune lavorazioni. Una scelta che sta portando l’Azienda a “tagliare” 25 posti di lavoro.

Sul fronte economico l’Azienda chiede ai lavoratori di rinunciare al premio produttività (un premio che fa parte del contratto interno) maturato nel 2010.

Una scelta inaccettabile per i lavoratori che vedrebbero un taglio netto alla loro busta paga.

Ecco un’immagine dei lavoratori durante il presidio esterno.

IMG_0039

Un pensiero su “Quando i lavoratori dicono NO”

  1. A quel presidio hanno partecipato soprattutto i giovani, alcuni che lavorano in azienda con la cooperative (e quindi possono essere messi alla porta dalla sera alla mattina) e altri con il contratto in scadenza ( molti hanno contratti che si rinnovano ogni 4 mesi).
    Loro però non ci hanno pensato 2 volte e sono scesi in piazza per difendere i loro (ormai pochi) diritti dando una bella lezione soprattutto a chi pur non rischiando nulla a deciso di non scioperare contro la palese prepotenza delle ultime scelte aziendali.
    Poi dicono che i giovani non hanno valori …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.