Browse By

UILDM Lecco. Volontari record

Continua la nostra inchiesta sul volontariato del territorio.

L’Associazione UILDM di Lecco (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) ha il suo motore proprio a Monte Marenzo dove, 20 anni fa, partì l’avventura della Maratona Telethon.

 

Come è andata l’ultima Maratona? Ne parliamo con il Presidente UILDM Gerolamo Fontana.

E’ stato l’ennesimo successo. L’anno scorso avevamo raggiunto il record nella raccolta fondi con 241.129 euro. Di questi circa 42.000 euro erano stati raccolti nella Provincia di Sondrio. Da quest’anno è operativa una Sezione UILDM anche a Sondrio che funziona molto bene, infatti la loro raccolta ammonta  a 45.850 euro.

Il nostro obiettivo era quello quindi di cercare di superare 200.000 euro. Ebbene il risultato finale ad oggi è di 220.105 euro. Insomma un altro record e ci confermiamo, per la quinta volta consecutiva, la Sezione UILDM al primo posto nella raccolta fondi su 78 sezioni in Italia (la seconda è distanziata di circa 100.000 euro).

 

Come avete raggiunto questo grande risultato?

E’ frutto di tante piccole e grandi iniziative in tanti settori e in tanti paesi della provincia di Lecco e di Bergamo. Anche qui i numeri sono impressionanti:

51 sono state le iniziative, le manifestazioni di ogni genere che hanno fruttato 54.761 euro.

In 70 paesi abbiamo distribuito i nostri panettoni e abbiamo coinvolto tantissime Associazioni. In totale abbiamo raccolto 77.461 euro.

47 le ditte e le attività commerciali che hanno contribuito con un totale di 34.568 euro.

L’iniziativa dei piccoli Ambasciatori Telethon, con i loro salvadanai nelle scuole ha fruttato 53.315 euro, circa 2 000 euro in più della Maratona 2010.

 

Quante scuole avete coinvolto?

Le scuole primaria e dell’infanzia che hanno raccolto fondi sono state ben 86 e circa 10.000 i bambini impegnati nella raccolta.

Abbiamo poi coinvolto 38 scuole di terza media. Personalmente ho parlato a questi ragazzi per un totale di 48 ore. Coinvolgere i più piccoli è fondamentale. Apprendere quell’età i valori della solidarietà rimane poi per tutta la vita. L’ho capito in una scuola media di un grosso comune della bergamasca dove siamo andati per la prima volta: i ragazzi non avevano mai sentito nominare la parola Telethon.

Ai ragazzi spieghiamo le finalità di Telethon e mi addentro nelle 6.600 malattie genetiche e in modo specifico della distrofia muscolare. I ragazzi dimostrano grande interesse.

 

E a Monte Marenzo come è andata?

Intanto volevo ringraziare le Insegnanti che, come ogni anno, sono disponibilissime e si spendono molto per far capire ai bambini l’importanza di Telethon. I bambini della scuola primaria hanno raccolto 670 euro e i bambini dell’Infanzia 281 euro.

In totale le iniziative e i contributi raccolti a Monte Marenzo hanno fruttato 6.111 euro.

Tante le Associazioni e i cittadini che ci hanno dato una mano. Parlando di volontariato l’elenco sarebbe lunghissimo. Per non escludere nessuno, cito solo il Gruppo Mamme che hanno collaborato con noi per la prima volta quest’anno (è una neonata Associazione). Hanno fatto le torte che sono state vendute durante il concerto dei Picèt del Grenta che hanno fruttato 220 euro.

Approfitto per ringraziare i Picèt del Grenta. Ecco una loro foto (clicca per ingrandire).

Devo inoltre segnalare un episodio curioso e significativo. Una mattina nella cassetta della posta di casa mia ho trovato 100 euro con un solo appunto anonimo: “per Telethon”. Un esempio di grande fiducia, per me significa molto. Ovviamente ringrazio lo sconosciuto donatore.

E poi segnalo il modellino di Ferrari venduto a Monte Marenzo a 1.000 euro ad un nostro sostenitore. Colgo l’occasione per ricordare che ci sono altri 4 modellini in vendita (l’offerta parte da 100 euro).

 

Quanti volontari siete riusciti a coinvolgere in questa maratona?

Impossibile fare un conto. Decine di Associazioni di volontariato significa centinaia di persone. Aggiungiamo i volontari delle scuole, delle Ditte, dei paesi e il numero aumenta.

La sezione UILDM di Lecco conta 237 iscritti. Il 90% delle famiglie coinvolte è parte attiva nella raccolta fondi.

Qui voglio ringraziare tutti. Cosa che farò anche in occasione della “pizzata Telethon” con tutti coloro che hanno contribuito a questo successo e che verranno a mangiare una bella pizza insieme “rigorosamente alla romana”, Sabato 4 Febbraio al Ristorante/Pizzeria “Ristorando” di Cisano Bergamasco, alle ore 20.00, per parlare di questa Maratona 2011 e di quella futura.

Tra tutti i volontari voglio citarne alcune figure:

La prima è Silvia che ha perso il padre colpito dalla SLA nel giro di un anno. Poteva chiudersi e cercare di dimenticare. Non l’ha fatto. Ha invece coraggiosamente deciso di impegnarsi nella UILDM.

Poi c’è Laura che mi ha affiancato in modo eccezionale negli incontri con i ragazzi delle scuole.

Infine Lisa, una ragazza di 20 anni che frequentava l’Istituto Fiocchi. Da quando ha conosciuto come operiamo  ha voluto partecipare in modo attivo in tante iniziative. Insomma una speranza per il futuro.

 

Perché questo impegno?

Credo ci sia in tutti la consapevolezza che l’85 % dei fondi raccolti vadano tutti nella ricerca e, visto che in Italia i Governi non investono nella ricerca, Telethon rimane la più importante fonte di finanziamento della ricerca nel nostro Paese. L’85% perché abbiamo l’obbligo di contenere le spese vive di tutte le iniziative fino ad un massimo del 15%. Da notare che in passato l’obbligo era del 20%, quindi  maggiori introiti per la ricerca.

Gli euro raccolti dalla UILDM sono interamente impegnati da Telethon per la ricerca sulla distrofia muscolare. I fondi raccolti a livello nazionale da Telethon vanno invece a finanziare la ricerca nelle altre malattie genetiche.

Da un anno sono stati segnalati alcuni casi di SLA, malattia praticamente non conosciuta in passato nella nostra sezione UILDM di Lecco. La sua diffusione è un sintomo che i ricercatori devono capire e combattere. Ecco un esempio dell’importanza di finanziare la ricerca.

 

Mi hai detto che vuoi darmi uno scoop…

Sì, volevo darti la somma raccolta in questi 20 anni di Maratona Telethon dal 1992: un totale attualizzato in euro di 2.073.599,52 !!!

 

Siete stati straordinari, insieme alla Polisportiva di Monte Marenzo!

E non è finita qui. Visto che ci sono aggiungo che sono ancora disponibili alcune cose in vendita:

la cravatta di Montezemolo da lui autografata a partire da 80 euro;

la cravatta di Fabrizio Frizzi a partire da 80 euro;

un quadro del pittore Adelio Bonacina a partire da 150 euro;

una bicicletta ATALA nuova fiammante donata a Telethon dalla ditta di Gianluca Bonanomi, a partire da 250 euro;

le  5 “Schegge”, opere donate dal maestro Antonio Guerra per la campagna Telethon (vedi link http://www.unpaeseperstarbene.it/?s=schegge )

e poi cappellini e magliette della Ferrari…

 

 

Lascio Gerolamo e Fabrizio, è arrivata Debora con i bimbi che reclamano il nonno. E’ giusto che Gerolamo si goda la serata in famiglia. Grazie a te e a tutti i volontari che hanno contribuito a questo grande risultato in 20 anni di attività. E prepariamoci alla prossima Maratona.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.