Puntuale come il Natale, anche quest’anno nel mese di dicembre arriva al culmine la maratona di Telethon, una fitta rete di appuntamenti ed eventi per promuovere la raccolta di fondi a sostegno della ricerca scientifica e vincere malattie genetiche particolarmente gravi.

La UILDM della provincia di Lecco è comunque mobilitata tutto l’anno su questo obiettivo. Se così non fosse sarebbe difficile comprendere le ragioni di un successo economico straordinario (nel 2014 si sono raccolti ben 263.100 €) e sociale, con quasi tutte le istituzioni pubbliche del lecchese coinvolte, oltre a centinaia di volontari e migliaia di cittadini.

Nella affollata conferenza stampa di presentazione dell’edizione 2015, che va dall’8 al 23dicembre, Renato Milani, presidente del coordinamento provinciale lecchese di Telethon, ha elencato una serie di numeri, in particolare ha illustrato la quarantina di eventi in programma, comunicato l’adesione di 86 comuni del lecchese e 8 della provincia di Bergamo.

Interessante il dato portato da Luca Battocchio, responsabile nazionale di Telethon, dove risulta che a livello nazionale si raccolgono 50 centesimi per persona, mentre nel territorio lecchese gli euro donati sono 1.5 a persona,

Gerolamo Fontana, responsabile della UILDM provinciale e il dott. Roberto Maggi, ricercatore Telethon, hanno fatto il punto sullo stato della ricerca scientifica, illustrando i risultati concreti raggiunti (per tre malattie possiamo considerata vinta la battaglia) e nello stesso tempo sottolineando il lungo cammino che ancora ci separa dalla soluzione di tante patologie.

Le persone hanno bisogno dei risultati della ricerca per migliorare la qualità della propria vita, i ricercatori hanno bisogno dei cittadini per avere le risorse necessarie a proseguire il loro prezioso lavoro.

La presentazione di Telethon 2015 nelle foto di Giorgio Toneatto.

D4S_4778 D4S_4830 D4S_4902 D4S_4931 D4S_4933

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.