Serata di premiazioni per il concorso fotografico PedalaSereno, promosso dalla Polisportiva di Monte Marenzo, Area sociale.

Giovedì 12 settembre nella Sala civica di Monte Marenzo, il sindaco Paola Colombo, il responsabile della Polisportiva Angelo Fontana e Carlo Limonta, videomaker che ha coordinato i lavori della giuria e realizzato una clip con le foto più significative, hanno consegnato i premi ai primi classificati e le pergamene per gli scatti che, pur non classificandosi tra i primi tre, sono stati segnalati per qualche loro particolarità.

Come ha sottolineato Carlo Limonta, dopo una non facile scelta considerato il numero delle foto pervenute e il loro buon livello, è risultato vincitore lo scatto di Mattia Piganzoli, che ha colto un ciclista al passo Ak – Baital in Tagikistan. Piganzoli non ha potuto essere presente per il ritiro del premio che viene consegnato provvisoriamente al sindaco Colombo.

 

L’Ak-Baital Pass è un passo di montagna nei Monti Pamir in Tagikistan a 4655 metri di altitudine. Siamo a nord-est dell’Afghanistan e a ovest della Cina.

E’ una strada mitica che parte da Mazar-e-Sharif in Afghanistan e che attraversa l’omonimo altopiano per dirigersi poi verso nord in Uzbekistan, Tagikistan e Kirghizistan.

Nonostante sia una via di comunicazione importante e principale è molto trascurata e quindi in pessime condizioni, in alcuni punti l’erosione e le intemperie l’hanno danneggiata seriamente. Non è difficile trovare frane, allagamenti, e manto stradale in precarie condizioni, ma nonostante ciò non ha interruzioni Il tracciato di questa strada è percorso da millenni e fa parte di uno dei sentieri della via della seta.

E’ sicuramente una sfida impegnativa per i viaggiatori sia in moto che su 4×4, è molto famosa anche per i cicloturisti che la considerano un itinerario molto complicato e duro.

La fotografia, ben realizzata, evoca spazi immensi ed echi di passaggi storici e per questo motivo ci siamo sentiti di darle il Primo Premio.

Secondo classificato Giorgio Toneatto per una foto realizzata a Reggio Emilia, con la seguente motivazione: nella cosiddetta Bassa un uso irriducibile della bicicletta contraddistingue i centri storici e tutto il territorio attorno, questa immagine ci ha colpito per la sua bellezza, semplice e autentica.

 

Dalla Bassa ai Paesi Bassi; il terzo classificato Gigi Spinelli ci invia una foto dall’Olanda. L’immagine è una bella composizione che contiene tutte le tipicità del luogo: la grande diffusione della bicicletta, i mulini a vento, le mucche pezzate.

Le foto della premiazione sono di Giacomo Milani.

A seguire l’elenco di tutti i premiati.

La più lontana

Roberto Moretti Jaisalmer – India

Jaisalmer è una città dell’India nel Rajastan molto vicino al confine con il Pakistan, chiamata anche “la città d’oro” perché costruita con quella sabbia che sotto il sole cocente sembra diventare color del miele.

 

Società Amatoriali

Germana Locatelli Monte Marenzo

Tra tutte quelle pervenute questa ci è sembrata la meglio realizzata.

 

Segnalate

Marco Fonti Venturina Campiglia Marittima Livorno

Questa immagine ci ha colpito per la sua naturalezza che coglie un momento di riposo in quel percorso che dal mare di Venturina porta all’entroterra in collina toscana a Campiglia Marittima.

 

Fulvio Greppi Garlate

Questa fotografia è stata segnalata per la sua semplicità nel descrivere un altro modo di “pedalare sereno e in sicurezza”.

 

Gruppo ciclisti in fila indiana

Erik Dell`Oro Gianlino-Pedenoletto – Bormio Valtellina

Questa fotografia ha il merito di essere ben realizzata e di documentare un’impresa non indifferente: salire sino alla bocchetta di Pedenoletto a quota di 2782 metri, raggiunti percorrendo un itinerario tra i più belli delle nostre Alpi.

 

In natura

Nadia Mainetti Livigno

Questa immagine ci porta ancora in ambiente alpino e ci restituisce la magia di pedalare in una natura libera, rigogliosa.

 

Family

Paola Beri Lago di Cancano Bormio

La fotografia ci riporta in Alta Valtellina, in quella Valle molto frequentata in estate ma veramente selvaggia da ottobre a maggio, ci ha colpito la luce che avvolge la famiglia.

 

Stefania Valsecchi Paderno d’Adda

Ritorniamo nei nostri territori, sul nostro fiume e la fotografia ben rappresenta quell’angolo meraviglioso del lungo Adda dove la famiglia si ritrova con quella audace opera del ponte di Paderno.

 

Seguono il comunicato della Polisportiva (Area Sociale) e il verbale della giuria.

Comunicato stampa

Questa edizione 2019, iniziata il 1° luglio e terminata il 7 settembre si è conclusa nel migliore dei modi per noi organizzatori. I numeri lo testimoniano: 128 opere partecipanti per 128 autori, che ci hanno fatto pervenire fotografie da tutta Italia e dall’estero. Solo per fare alcuni nomi: dalle Tre Cime di Lavaredo ad Aik Baital Pass Tajikistan, le Alpi e l’Oceano sulla costa portoghese, passando per la Repubblica di San Marino. Spettacoli come le Dolomiti, poi Rimini, Riccione, Livigno, Reggio Emilia, Dobbiaco in Alto Adige, Cremona,  Passo Gardena, Lignano Sabbiadoro,  Monaco, Amsterdam in Olanda, Islanda, Croazia, l’isola di Kos, dall’India, Zermatt con dietro il Monte Cervino.

La bellezza della fotografia sta anche nell’aver colto il tema, il momento in cui questo si concretizza, anche a discapito della perfezione dal punto di vista tecnico. In questo concorso ha contato anche cogliere il ciclista sul momento, mentre procedeva con il suo caschetto, la borraccia, lo zainetto e la divisa da ciclista, per la sua sicurezza personale. Ma anche aver immortalato ciclisti in posa, in casi come questi, è di aver raggiunto l’obiettivo!

Alcuni fatti di cronaca accaduti questa estate, ad agosto, hanno contribuito a sensibilizzare sul tema della sicurezza stradale in bicicletta. L’incidente a Domenico Pozzovivo mentre si allenava ha acceso riflettori che non si devono spegnere.

Il problema più grande è la sicurezza stradale per tutti, la convivenza tra pedoni, biciclette e veicoli a motore di ogni genere.

La strada è di tutti, ma con le sue regole: prima di tutto con la presa di coscienza di questo. Partendo dai più giovani, dalle scuole, dal buon esempio degli adulti a cui i ragazzi guardano.

Gianni Bugno, presidente mondiale dei corridori, afferma che occorre iniziare dalla scuola per ridurre i rischi sulla strada e fare dell’educazione stradale una materia di studio per formare le nuove generazioni.

L’obiettivo del Concorso è sempre stato questo: dire di usare la bicicletta con consapevolezza, usare la strada con responsabilità.

Grazie mille a tutti i partecipanti, che con le loro opere hanno reso, anche quest’anno, il Concorso fotografico “Pedala Sereno”, un successo!

Grazie a tutti coloro che ci hanno offerto i premi, ad Angelo Gandolfi, Sergio Vaccaro che mi hanno supportato in questa occasione nel pubblicare le foto sul sito “Un paese per star bene”. Al Sindaco Paola Colombo per la sua presenza, ringrazio Carlo Limonta, un nostro bravo collaboratore che ci ha aiutato a montare questo video e a selezionare tutte le foto.

Verbale

Dopo una non facile valutazione, la giuria riunitasi il giorno 9 settembre  2019 presso la sede della Polisportiva, presieduta da un nostro collaboratore Carlo Limonta, dopo avere esaminato 128 fotografie pervenute ha cosi deliberato :

1° classificata – Mattia Piganzoli passo Aikbaital Tagikistan. Buono pranzo per due persone, offerto da Locanda Osteria Marascia Lavello

2° classificata – Giorgio Toneatto. Reggio Emilia. Buono Pranzo per due persone da Fausto Rist. pizzeria Valcava

3° classificata –  Gigi Spinelli  da  Kinderdijk – vince – Salame Nostrano off. Da Roberto Camelia, amico di Daniele Redaelli A.M

Premio consistente in una pergamena con la propria foto ricordo della manifestazione.  La più lontana – Dott. Roberto Moretti – Jaisalmer – India.

Società Amatoriali –  Una pancetta stagionala offerta  da Alimentari Stefano Animelli Monte Marenzo. Germana Locatelli Monte Marenzo,

Premio consistente in una pergamena con la propria foto ricordo della manifestazione. Segnalata – Roberto Codrignani -Venturina- Campiglia Marittima Livorno

Premio consistente in una pergamena con la propria foto ricordo della manifestazione. Segnalata Fulvia Greppi Garlate

Gruppo di ciclisti Lecchesi che hanno raggiunto una località della Valtellina sede dei Giochi Olimpici Invernali 2026, vince una carta prepagata offerta da Conad di Calolziocorte dal valore di 50 euro – Dell’Oro Erik – Bormio Valtellina,

In natura – Nadia Mainetti – Livigno

Premio consistente in una pergamena con la propria foto ricordo della manifestazione

Family – a pari merito

Paola Beri Lago di Cancano  (Bormio) –

Stefania Valsecchi, sullo sfondo il ponte di Paderno.

One comment

Concorso fotografico PedalaSereno: tutti i vincitori

  1. Grazie Angelo per avermi aiutato a diffondere questo concorso fotografico Pedala Sereno – Estate 2019 che aveva l’obbiettivo principale di sensibilizzare tutti gli utenti della strada.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.