Il 26 febbraio scorso il Consiglio comunale ha approvato il Bilancio di previsione per l’anno 2019. Riportiamo la relazione del Sindaco che ne illustra i contenuti.

Il Bilancio di Previsione 2019/2021 assolve le funzioni di indirizzo politico-amministrativo, economico-finanziario e informativo, esprime il fabbisogno finanziario e la sua sostenibilità e chiuderà di fatto il lavoro di questa Amministrazione perché l’anno in corso sarà un anno di transizione tenuto conto delle prossime elezioni amministrative che si terranno a maggio.

Le nostre scelte confermano la centralità del benessere del cittadino che attraverso la cura di sé e degli altri possa dare vita ad un paese inclusivo, tollerante, solidale e capace di innovare, caratterizzato da stili di vita ecocompatibili e sostenibili per preservare l’ambiente per le generazioni future e a questo scopo sono stati realizzati gli investimenti sulle caldaie, sulla coibentazione degli edifici, sul fotovoltaico e sull’illuminazione pubblica.

La legge di bilancio 2019 varata dal Governo prevede un contributo per investimenti comunali per opere di messa in sicurezza di scuole, strade ed edifici pubblici. L’assegnazione riguarda tutti i Comuni fino a 20mila abitanti con distinzioni in base alla fascia demografica; al nostro comune spettano € 40.000.

La legge di bilancio prevede inoltre per i comuni lo sblocco della leva fiscale, cioè la possibilità di incrementare le imposte e le tasse comunali, opportunità che la nostra amministrazione non intende utilizzare.

Come indicato nel D.U.P. e come confermato dai numeri di questo bilancio, anche nel 2019, proseguiremo nell’offerta di servizi esattamente come nel 2015, 2016, 2017 e nel 2018 senza diminuzioni né in termini qualitativi né quantitativi.

Gli obiettivi e gli indirizzi politici che l’Amministrazione si è data nella costruzione del bilancio 2019 vanno nella direzione di una continua ricerca di quei finanziamenti necessari al miglioramento della qualità della vita dei cittadini e di conseguenza, nel nostro piccolo, sostenere l’economia del nostro Paese. Siamo dunque sempre alla ricerca di bandi regionali, statali ed europei che possano portare risorse d’investimento per MM.

A questo proposito, il 15 febbraio abbiamo adottato un regolamento che individua e andrà a disciplinare le strade agro-silvo-pastorali del nostro territorio che sono strade realizzate nel passato, comunali o private, ubicate in aree montane e collinari a servizio di boschi, pascoli e aree agricole, per lo svolgimento di attività in campo agricolo e forestale e che costituiscono la rete della così detta viabilità agro-silvo-pastorale (VASP). Esse rappresentano anche importanti linee tagliafuoco e sono indispensabili vie di accesso per i mezzi di emergenza nel caso appunto di incendi nei boschi. Individuare queste strade e regolamentarle, ci permetterà di poter accedere ai finanziamenti regionali dedicati.

Le Entrate correnti

Non ci sono novità sulle entrate. Analogamente agli anni 2015 e 2016, 2017, 2018 l’addizionale IRPEF si conferma una componente essenziale in entrata del nostro bilancio ed è stimata intorno a € 204.000, insieme all’IMU che vale € 157.000 e al Fondo di solidarietà comunale che per il 2019 corrisponde a € 429.000.

Tutte le tariffe rimangono invariate ad eccezione della TARI che varia di anno in anno perché, per legge, il costo del servizio deve essere interamente coperto dalla tariffa.

Anche per quest’anno, abbiamo mantenuto tutte le agevolazioni introdotte gli scorsi anni per le famiglie numerose e abbiamo mantenuto la riduzione della tariffa per le attività economiche che nel passaggio TARSU/TARES avevano avuto aumenti tariffari superiori al 150%. Abbiamo mantenuto anche l’agevolazione introdotta lo scorso anno a favore delle giovani famiglie con bambini di età compresa tra gli 0 e i 3 anni alle quali, se in possesso di ISEE inferiore o uguale ai 23.000 € spetterà, a consuntivo, un rimborso di €40 a bambino. Inoltre, il nostro comune per agevolare la raccolta differenziata da oltre 15 anni ha introdotto l’abbattimento del 20% della tassa dei rifiuti per chi effettua il compostaggio domestico. Dallo scorso anno, per permettere una rapida e più diretta consegna dell’avviso di pagamento TARI, i contribuenti che hanno fatto richiesta, hanno ricevuto i documenti per posta elettronica.

Nel 2018 abbiamo avuto un aumento di circa il 12% di produzione dei rifiuti e siamo passati da un totale di kg 191.150 del 2017 ai 214.000 del 2018 con un notevole aumento del sacco trasparente; ciò comporterà un aumento del costo della TARI di € 5.500 per lo smaltimento. Per far fronte a questo inaspettato aumento della produzione di rifiuti, organizzeremo a breve una campagna di sensibilizzazione per invitare i cittadini a produrre meno rifiuti ed ad una migliore differenziazione del contenuto del sacco trasparente anche organizzando delle assemblee informative e prenderemo in considerazione l’introduzione della tariffazione puntuale.

Sempre nel 2018 abbiamo ricevuto da Silea due premi per un totale di €5.492,45 per la buona qualità del contenuto del sacco viola e questo importo è stato portato in diminuzione della tariffa nel piano finanziario.

Sul fronte delle entrate correnti le tariffe e/o aliquote di tributi sono rimaste inalterate rispetto allo scorso anno.

IMU all’ 8,2 per mille

per i  fabbricati di cat.D  IMU all’8,2 per mille e TASI al 2,4 per mille.

(Ricordo che per i fabbricati di categoria D è stata fatta questa scelta perché mentre l’IMU è deducibile per le imprese, dal 2019 nella misura del 40%, la TASI è totalmente deducibile).

l’addizionale comunale sull’IRPEF al 7,00 per mille.

Avremo invece entrate stimate in €75.000 (€ 72.000 nel 2018) che riguardano le rette dell’asilo nido. Sempre per quanto riguarda l’asilo nido il contributo regionale sarà di €38.000 (€ 36.000 nel 2018).

Le entrate destinate a spese correnti per il 2019 ammontano ad euro 1.532.450 mentre nel 2018 erano pari ad euro 1.509.970.

Le spese correnti

Le spese correnti per l’anno in corso passano dall’importo di euro 1.411.020 del 2018 all’importo di euro 1.426.320 del 2019 (quota intera dell’operaio e maggiori spese di assistenza educativa).

La convenzione con il comune di Carenno che riguarda l’esercizio in forma associata della funzione di organizzazione generale dell’amministrazione, gestione finanziaria, contabile e controllo e vigilanza, porterà quest’anno ad una riduzione della spesa del personale di €47.300 (44.750 nel 2018).

Anche quest’anno l’amministrazione mantiene una forte attenzione alle politiche scolastiche e alla cultura con € 249.140 (€ 218.700 nel 2018) che rappresentano circa il 17,48% dell’intera spesa corrente.

Su questo fronte confermiamo il proseguo del progetto introdotto a settembre “Una classe comunità per una scuola che si rinnova” che porterà la nostra scuola ad entrare a far parte del circuito nazionale “Scuola senza zaino” il che implicherà nuovi investimenti in arredi e attrezzature nei prossimi anni, 2.000 € annuo sul triennale 2019/2020/2021.

Il trasporto scolastico resta gratuito per i residenti per la scuola dell’infanzia e per la scuola primaria e confermiamo il contributo al trasporto pubblico per la scuola dell’obbligo (secondaria di I grado e i primi due anni della secondaria di II grado) e le provvidenze scolastiche per un totale di € 9.500.

Siamo stati beneficiari di un contributo regionale, a fondo perduto, per il supporto degli enti locali che riguarda il progetto PAGO PA dove dal CST della provincia di Lecco, è pervenuta la proposta di aderire a questo progetto che prevede di accedere ad un portale provinciale dove poter inserire i pagamenti richiesti per i servizi che non sono automatizzati dal nostro software gestionale come il servizio del trasporto scolastico, i servizi cimiteriali, gli oneri di urbanizzazione, gli orti, il CRES o altri piccoli servizi che i cittadini potranno decidere di pagare con carta di credito attraverso questo portale. Il contributo è per aree tematiche, noi ne copriremo 7 e riceveremo un contributo complessivo di €5.670.

L’asilo nido comunale continua a funzionare a pieno regime ed il costo per il suo funzionamento per l’anno 2019 è previsto in euro 126.350.

Nonostante le ristrettezze del Bilancio, confermiamo lo stanziamento pari a €7.500 per la Biblioteca Civica che oltre a rappresentare un ottimo supporto per le attività scolastiche, ha un’organizzazione spaziale in grado di soddisfare esigenze culturali generali e multimediali.

Un altro settore che raccoglie la massima attenzione dell’Amministrazione comunale è quello dei servizi sociali e alla persona, per il quale nel 2019 il comune erogherà €277.600 (€306.290 nel 2018), pari al 19,48% della spesa corrente. Tutti i servizi e gli interventi in corso sono confermati come il sostegno per disabili frequentanti la scuola dell’obbligo (che da marzo verrà inserito nella missione della scuola), l’assistenza domiciliare e l’asilo nido. Abbiamo poi il trasporto dei disabili che è un servizio delicato ed impegnativo da gestire.

Con la costituzione dell’impresa sociale GIRASOLE, tutti i servizi sociali verranno gestiti attraverso un contratto di servizio tra l’azienda ed il comune.

Anche per l’anno 2019 è stata riconfermata la campagna di prevenzione dei tumori in collaborazione con la lega tumori di Merate che anche l’anno scorso ha avuto una grande partecipazione da parte dei cittadini.

E’ stato assunto, attraverso agenzia interinale, un operaio a tempo parziale che si occupa principalmente di pulizia delle strade e marciapiedi, svuotamento cestini e piccole manutenzioni per un costo annuo di €16.960.

Il servizio dello scuolabus, scaduto a giugno 2018, è stato affidato con gara ad una ditta esterna fino alla fine dell’anno scolastico 2018/2019 al costo di € 27.300.

Ricordo che tra le spese viene fatto obbligo di accantonare un importo a titolo di fondo crediti di dubbia e difficile esazione sulla scorta delle entrate che si presume non siano totalmente esigibili. Quest’anno la richiesta di accantonamento è stata diminuita di 10 punti percentuali (85% contro i previsti 100% della normativa originaria) e ciò è sicuramente un aiuto ai comuni che possono usufruire di più risorse. Tale fondo ammonta ad euro 14.500 (€22.500 nel 2018).   

Vengono mantenute le risorse per le ordinarie manutenzioni del patrimonio comunale e per la manutenzione del verde pubblico.

Sono garantite le spese per la sicurezza e per la tutela dell’ambiente.

Vengono assicurate risorse per realizzare eventi, manifestazioni culturali, per il sostegno allo sport e all’associazionismo.

Tra i servizi in convenzione ricordo oltre al Servizio Associato di Ragioneria e Segreteria e con il comune di Carenno, il Servizio Associato nella gestione dell’Ufficio tecnico con i comuni di Carenno ed Erve, il servizio associato di Polizia Municipale con il comune di Carenno.

Molto significative sono le iniziative del progetto Workstation che si rinnovano e si arricchiscono di anno in anno e il cui scopo è quello di favorire azioni a sostegno della cittadinanza più giovane promuovendo l’occupazione, iniziative di volontariato o piccoli stage con contributi economici.

Gli investimenti

E’ prevista la realizzazione di un nuovo ingresso, dal parcheggio di via Marenzi dedicato alla sala consigliare nonché sala civica, ubicata al piano terra dell’edificio scolastico.

A seguito del contratto stipulato con la ditta CITELUM, sono stati sostituiti i corpi illuminanti a LED di tutti i lampioni di proprietà comunale (che sono tutti quelli che rientrano negli ex piani di lottizzazione, via Filanda, via Colombara, via Colombara Vecchia, via S.Paolo, Spaiano, via Levata). CITELUM ha definito con ENEL le modalità di intervento sui pali ex ENEL e dopo l’incontro che le due società hanno avuto a gennaio, le opere sono previste per la primavera.

Nell’ambito del capitolo che fa riferimento alle prestazioni professionali e spese tecniche, verranno individuate le risorse per affidare l’incarico per lo studio di fattibilità per fornire il cimitero di nuovi colombari in base alle effettive esigenze che tengono conto delle strutture già esistenti e per far redigere un progetto per la sostituzione delle lampade d’illuminazione con i LED all’interno delle scuole e di tutti gli edifici e aree pubbliche (aree esterne del centro sportivo e parchetti) in modo da poter presentare un corposo progetto complessivo ed accedere ai contributi del GSE.

Dopo aver realizzato il sistema di videosorveglianza a lettura targhe, abbiamo messo a bilancio €4.500 all’anno per il prossimo triennio per l’acquisto di nuove telecamere che saranno posizionate in punti sensibili del paese.

Siamo in attesa dell’esito del bando della regione denominato Piccoli Comuni e finanziato al 90% a cui abbiamo partecipato per ricevere un contributo di €40.000 per un progetto di asfaltatura di alcuni tratti di strade comunali.

Con i 40.000 del contributo statale verranno messe in sicurezza alcune strade comunali con guard rail e asfaltature.

A breve predisporremo un progetto da presentare al GAL 4 PARCHI LECCO BRIANZA sul bando “Incentivi per lo sviluppo di servizi in favore della popolazione rurale”

Per le quote dell’impresa sociale sono stati inseriti in bilancio €700 che rappresentano l’unico esborso chiesto al nostro comune per poter entrare a far parte della costituenda società consortile a responsabilità limitata GIRASOLE. (A questo proposito, il 18 febbraio è stata costituita l’associazione dei 26 comuni che saranno soci dell’impresa sociale).

E’ prevista la sistemazione dell’area del centro di raccolta per migliorarne la fruibilità e aumentare la suddivisione di alcune tipologie di rifiuto. L’iter di questo intervento si è rivelato molto più lungo del previsto per la necessità di dover eseguire una variante urbanistica già affrontata dall’ufficio tecnico e dall’estensore del PGT e che dovrà essere sottoposta al vaglio del Consiglio Comunale.

E’ prevista la sostituzione del pulmino per il trasporto dei disabili ma prima di procedere all’acquisto, siamo in attesa della costituzione della nuova impresa sociale che potrebbe prendersi in carico il servizio.  

In questo bilancio di previsione 2019, l’ultimo di questo mandato, nonostante le limitate risorse siamo riusciti a mantenere tutti i servizi e a fare anche degli investimenti che vanno a completare quanto previsto dal nostro programma elettorale. Anche se siamo alla fine del nostro mandato, siamo sempre pronti a cogliere tutte le opportunità per reperire le risorse attraverso la partecipazione a bandi e la richiesta di finanziamenti per poter conseguire gli obiettivi prefissati per il bene del nostro paese. A proposito di ciò rammento che il bilancio non è un documento statico ma in continua evoluzione e durante l’anno può cambiare ed essere integrato con l’avanzo una volta approvato il rendiconto oppure con altre risorse quali bandi e finanziamenti di cui parlavo poc’anzi ai quali i comuni possono accedere.

Da parte nostra, grazie anche all’impegno e alla competenza dei tecnici e degli impiegati comunali, pensiamo di avere svolto nel modo migliore il nostro compito, cercando di soddisfare le esigenze della nostra comunità, misurando le scelte in un delicato equilibrio tra reperimento delle risorse e necessità di rispondere positivamente ai bisogni e alle aspettative dei cittadini.

 

Il Sindaco

Paola Colombo

One comment

Il Bilancio di Monte Marenzo nella relazione del Sindaco

  1. Mi sembra un buon atto amministrativo, un bilancio oculato di questa Amministrazione, che ha mantenuto i tantissimi servizi per la comunità, a partire da quelli in ambito culturale e scolastico e di servizio alla persona.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.