Si è conclusa il 2 marzo di quest’anno, nella accogliente cornice del Museo Ca’ Martì di Carenno, l’ultima azione del Progetto Workstation 2016, denominata “Sempre più in alto 2.0”.

Il progetto, promosso da Comunità Montana Valle San Martino (cofinanziato dai Comuni di Carenno ed Erve, con il fattivo aiuto dei Lyons locali ed inserito nell’ambito di Living Land) con il coordinamento di LiberiSogni Onlus, ha visto protagonisti 11 tra ragazzi e ragazze dei due Comuni dell’alta Valle, i quali hanno potuto svolgere circa cinquanta ore di volontariato in alcuni enti del territorio. Diverse le associazioni ed i gruppi che si sono resi disponibili ad ospitare e gestire i volontari: Museo Ca’ Martì, Biblioteca civica, Associazione Archè, Ufficio tecnico comunale, Polisportiva – per citare quelli carennesi -, Pro Erve, Biblioteca civica, Oratorio e Tavolo adulti – quelli ervesi.

Sotto la guida degli operatori di LiberiSogni Onlus, i protagonisti hanno dapprima affrontato in tre moduli, per un totale di dieci ore, una formazione relativa alla gestione e progettazione degli eventi nel terzo settore, alla didattica museale ed alla verifica dell’attività di volontariato in corso.

Per quanto riguarda Erve, il gruppo di 5 ragazzi residenti, ha poi gestito gli spazi della mostra dedicata ai “Babbi natale”, tra il 04 e il 12 dicembre 2016 (realizzata all’interno della sala consigliare), occupandosi dell’accoglienza dei turisti in biblioteca, di una piccola merenda (durante le domeniche di apertura e l’08 dicembre) ed infine ha condotto un laboratorio di animazione di fiabe per bambini del primo e secondo ciclo della scuola primaria. Ancora insieme alla Pro Erve, il gruppo di progetto ha preparato il classico rinfresco di Natale la notte a cavallo tra il 24 e il 25 dicembre, attualizzandolo per i più giovani, proponendo all’interno dell’evento un foto-shooting con il colore bianco come “dress code”. Anche le domeniche di apertura dell’Oratorio di gennaio 2017, infine, hanno beneficiato della progettazione dei giovani stagisti: il 29 gennaio, le letture animate sono state riproposte con laboratorio, come attività pomeridiana con merenda co-gestita tra adulti e giovani di Sempre più in alto 2.0.

Mentre per Erve il gruppo di partecipanti al progetto ha gestito tempi ed interventi in maniera collegiale, per quanto riguarda Carenno, sono state le associazioni e gli enti coinvolti a gestire in autonomia il monte ore. Ca’ Martì ha formato uno stagista per i momenti di apertura del museo e per la gestione dell’inventario museale, la Polisportiva ha affiancato alle allenatrici di pallavolo due ragazze in qualità di aiuto coach, Archè ha invece utilizzato la sua progettista come aiuto durante le attività di palestra e comunicazione/produzione flyer per quanto riguarda il saggio di Natale dell’associazione, la Biblioteca ha potuto valersi di una giovane ai fini della catalogazione e della progettazione degli interventi scolastici e l’Ufficio tecnico comunale ha contato sull’apporto di un’operatrice aggiunta.

Durante la cerimonia conclusiva (nella quale i partecipanti hanno ricevuto anche un piccolo, ma significativo, premio economico) i giovani, dopo un’introduzione a carattere pedagogico da parte dell’operatore di LiberiSogni Onlus, hanno potuto raccontarsi e raccontare ai presenti i loro ambiti di azione, focalizzandosi sulla necessità, da parte dei territori, di favorire il ricambio generazionale nelle associazioni storiche e puntare più serenamente sui giovani per la valorizzazione del tessuto sociale, a partire proprio dalla componente giovanile: non sempre in preda a eccessi, come spesso viene descritta, ma anche capace di impegno, originalità e proposte innovative.

Un sentito ringraziamento alle consigliere comunali Alessia Carsana (Erve) e Lisa Rotasperti (Carenno) per l’impegno profuso nella cogestione del progetto ed in generale a tutti gli enti che si sono spesi dinamicamente in questa interessante avventura.

Daniele Vanoli

Le immagini sono di Paolo Valsecchi di Leccoonline, che ringraziamo per la gentile concessione.

alto1 alto2

 

Categorie: Cultura & Scuola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.