“Io non l’ho mai vista così l’Adda… Sono del ’53 e abitavo lì, al Pascolo… L’Adda la vedevo tutti i giorni. Ci sono stati periodi di secca sì… Come quattro anni fa, e l’anno dopo, ancora peggio, ci sono le foto di Adriano, me le ricordo… E poi ancora… che anno era?… Ma come quest’anno, mai! Lì in mezzo al lago di Olginate è comparsa un’isola… Mai vista così grande! La si vede anche da Monte Marenzo!… E al ponte di Olginate,  dopo la diga, l’acqua scorre solo sotto la seconda arcata… Non piove da settimane e quest’inverno niente neve… se va avanti così…”

Monologo sull’Adda in secca, marzo 2019. Foto di Adriano Barachetti.

 

 

 

One comment

Adda in secca. Foto di Adriano Barachetti

  1. Le foto di Adriano belle e tremende, il monologo di Sergio disarmante e disarmato.
    L’altro giorno i giornali riportavano le conclusioni a cui sono giunte le ricerche degli scienziati sul pianeta Marte. E’ quasi certo che il Pianeta Rosso, attorno ai due miliardi di anni fa, era solcato da fiumi d’acqua maestosi e molto più ampi dei nostri.
    Ammetto che fare questo paragone fa sganasciare dalle risate. Anche se rimanessimo a secco solo tra un milione di anni farebbe sganasciare dalle risate. Però… Però, se questa estate, o la prossima, dovessimo guardare il sottile filo d’acqua che scende dai rubinetti di casa, insufficiente a soddisfare tutte le comodità alle quali siamo abituati, scommetto che un sudore freddo scenderebbe per la schiena anche dei più scettici sull’emergenza climatica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.