Browse By

Fondi pro-Levata. Il Comune ringrazia

In questi giorni il Comune di Monte Marenzo sta inviando una lettera, a firma del Sindaco Gianni Cattaneo, con i ringraziamenti a coloro che hanno contributo, in denaro ed in altre forme, ad affrontare l’emergenza pro-Levata.

La lettera che potete leggere qui sotto, è arrivata anche alla nostra Associazione UPper, che ha lanciato, subito dopo l’evento franoso e la necessità di evacuare molti abitanti della Frazione, una “staffetta della solidarietà”.

L’abbiamo lanciata in occasione della “prima” della nostra rappresentazione teatrale http://www.unpaeseperstarbene.it/2013/frana-levata-inizia-la-staffetta-della-solidarieta-i-primi-42710-euro-raccolti-ieri/ raccogliendo 427,50 euro.

Molte altre Associazioni di Monte Marenzo, privati cittadini, organizzazioni sociali ed economiche lo hanno fatto. E in diverse occasioni, il nostro scatolone giallo con le due foto dei massi caduti è stato al centro di belle iniziative di solidarietà.

“Una meravigliosa gara di solidarietà” la definisce il Sindaco, “una piccola realtà come la nstra non avrebbe potuto gestire una così grande emergenza, risolta in temi rapidi e con esito positivo”.

Siamo ovviamente soddisfatti di questo risultato e di aver contribuito a realizzarlo.

La “staffetta  della solidarietà”, come si legge nella lettera, ha fruttato (ad oggi), 6.000 euro, mentre altri 10.000 euro non sono stati in denaro ma sotto forma di servizi che, se fossero stati onerosi, avrebbero visto lievitare sensibilmente il totale delle spese che ammontano a 23.914,25 euro, computo che esclude, ovviamente le opere di primo consolidamento della parete e la posa delle reti di protezione.

Il Sindaco ci da anche buone notizie per i finanziamenti per aumentare il livello di sicurezza della frazione.

Bene. Da parte nostra condividiamo il pensiero del Sindaco: “Ancora una volta Monte Marenzo ha saputo, nei momenti difficili, esprimere quella coesione umana e quell’assunzione di responsabilità civile, che rappresentano il vero patrimonio della nostra comunità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.