Browse By

Archivio tag: davide spreafico

Gli Ouroborus in concerto

I nostri amici musicisti Ouroborus  si esibiranno sabato a Galbiate. Ecco cosa ci scrivono: Gli Ouroborus o Orliboriuuuis che dir si voglia tornano a calcare i palchi dell’Italia settentrionale Sabato 31 Gennaio al Parco Ludico di Galbiate. Vi anticipiamo solo che il live sarà dal

Nessuna miniatura

“Racconti di un Cosmonauta”. Alla Festa delle Corti di Garlate il nuovo Album degli Ouroborus

Verrà presentato alla Festa delle Corti di Garlate il nuovo Album degli Ouroborus, del quale abbiamo scritto una recensione (vedi link http://www.unpaeseperstarbene.it/2014/racconti-di-un-cosmonauta-il-nuovo-album-degli-ouroborus/ ). L’appuntamento è in Piazza Pierius (vedi mappa e programma POSIZIONE 32) il 13 ed il 14 settembre: http://www.festadellecorti.it/programma.html    

“Racconti di un Cosmonauta”, il nuovo Album degli Ouroborus

Ascolto il nuovo album degli Ouroborus in auto. Massimo, il chitarrista del Gruppo, mi ha appena portato una copia e decido di metterlo nel lettore, curioso di sentirlo. Le sonorità del Gruppo mi sono già note, ho apprezzato  il primo Cd (The instrumental alchemy –

Nessuna miniatura

Gli Ouroborus premiati con “Il cimitero degli elefanti”

I nostri amici musicisti “Ouroborus” sono stati premiati ad Olgiate Molgora in occasione del “Premio Beppe Gentile”  per il brano inedito dal titolo “Il cimitero degli elefanti” presente sul secondo album  “Racconti di un cosmonauta“, fresco di fabbrica che verrà presentato alla festa delle corti

Nessuna miniatura

Di che razza siamo?

Ieri sera Davide Spreafico, il nostro amico musicista degli Ouroborus, che ha collaborato con noi per le musiche originali della rappresentazione teatrale di “Io sono la mia opera”, ha scritto sulla sua pagina Facebook un lungo racconto di quanto gli era appena accaduto. Dopo averlo

Nessuna miniatura

La musica alchemica degli Ouroborus

Ieri sera al Concerto d’Estate a San Michele a Torre de Busi i protagonisti sono stati loro: gli Ouroborus. Sono stati a lungo applauditi da chi è salito fin quassù per ascoltarli. E pensiamo che per tutti ne sia valsa la pena. Bravi, veramente bravi.